fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Lettere in Redazione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del dott. Salvo Figura che si riferisce alla fiaccolata ecumenica che si terrà a Ragusa il 22 gennaio contro le persecuzioni dei cristiani…

 

«Giovedì sera, 22 gennaio, partirà dalla chiesa di S. Francesco, in piazza Cappuccini a Ragusa, una marcia Ecumenica con fiaccolata silenziosa in segno di unità e di "protesta" dei Cristiani di ogni confessione contro le persecuzioni subite in alcune parti del mondo.

Solo casualmente la marcia si svolge all'indomani di Charlie Hebdo di Parigi e solo casualmente è coincisa con quelle proteste.

Iniziativa lodevole se la si guarda nel filone di altre manifestazioni simili di ordine religioso. Sennonché stavolta, "maliziosamente" ci vedo un che di politico che stona con la finalità di pace e di ecumenismo della marcia.

Ci si è chiesti per caso, "Marcia di chi contro chi"? O "Protesta di Cristiani contro chi"?

Forse , e purtroppo la memoria storica è più corta della lista della spesa, ci si è scordati che i Cristiani, di ogni confessione, sono stati i persecutori, più che perseguitati, e adesso vorrebbero ergersi, VORREMMO ergerci, a vittime, dopo essere stati carnefici.

Non parlo delle troppo abusate (storicamente parlando) Crociate, ché quelle furono delle guerre dichiarate in cui il Santo Sepolcro e l'Islam facevano da paravanto a nefandezze di ogni genere. Là c'era Costantinopoli capitale dell'Impero Romano d'oriente, presa dagli arabi e ripresa dagli europei fino alla conquista finale dell'Islam.

Parlo di ere molto più vicine alla nostra.

Parlo del genocidio operato dai Protestanti e dai Cattolici in terra d'America (Nord e Sud). Nella cartina, potete vedere benissimo il graduale restringimento dei territori degli Indiani d'America del Nord dal 1492 al 1977: è un vergogna! E furono Quackeri, Calvinisti, Luterani, Cattolici, Battisti, che depredarono quelle popolazioni di terre che erano loro da millenni. In nome di un Cristo che ognuno vedeva a modo suo. Imbrattato di whisky e polvere da sparo. E noi marciamo contro le persecuzioni dei Cristiani?

Vogliamo parlare dell'Inquisizione Spagnola e di quella Romana? Trecento e passa anni di Cattolici (??) contro Cattolici o Cristiani di altre professioni. Lotta vergognosa e fratricida. E Marciamo contro le persecuzioni dei Cristiani?

La Rivoluzione Francese in nome di un "falso ateismo", promosse la lotta contro il clero di Roma: 1779, eccidi e massacri degni di altre cause; anzi, di nessuna causa.

La Crisada Mexicana iniziata agli albori del XIX secolo e terminata solo nel 1929. Anche qui Cristiani contro Cristiani. Senza che Gesù Cristo ne sapesse nulla! E marciamo contro le persecuzioni?

I campi di sterminio di Hitler quando dal 1940 al 1945 oltre cinque milioni tra Ebrei e Cristiani, anch'essi di ogni confessione, furono uccisi e saponificati. E marciamo contro le persecuzioni? ma di chi, contro chi?

E i regimi comunisti sovietici che dal 1918 a oggi perseguitano i Cattolici, ma anche i protestanti; anche qui, sotto un falso velo di ateismo.

E arriviamo ai giorni nostri: Maggio 1992 la NATO e il governo D'Alema, scagliano i loro bombardieri, Italia in testa, contro la Serbia, Cristiana a anche cattolica, in difesa dei Musulmani dell'Erzegovina. Cristiani contro Cristiani. E marciamo contro le persecuzioni dei Cristiani?.

Quanto avrei preferito che si fosse marciato contro TUTTE le persecuzioni, iniziando da quelle contro gli indiani d'America e finendo con quelle che si perseguono in Africa ogni giorno. Dove la religione e il Dio di tutti non c'entra nulla. Lo dico e lo affermo con la forza di Cattolico credente e praticante: "Smettiamo di MARCIARE CONTRO; iniziamo a marciare PER!" Dopo, solo dopo, potremo parlare di ecumenismo».

 

Salvo figura


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry