fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 25 novembre 2014 – Lunedì 24 novembre si è conclusa una complessa operazione di verifica sull’intera “filiera della pesca”, inserita in una programmata attività di controllo svolta sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Catania, che ha visto impegnati i militari della Capitaneria di Porto di Pozzallo e dell’Ufficio Locale Marittimo di Scoglitti, sia bordo delle motovedette in mare che, a terra, con pattuglie automontate, i quali hanno effettuato numerosi sopralluoghi di polizia marittima rivolti alla tutela ed alla salvaguardia del rispetto della normativa inerente la pesca.

 

L’attività in questione ha consentito di svolgere controlli sui pescherecci in mare, nei punti di sbarco in porto, sul corretto trasporto dei prodotti ittici destinati alla vendita e sulla commercializzazione degli stessi all’ingrosso, al dettaglio e nei ristoranti della Provincia iblea.

I controlli e verifiche hanno condotto alla scoperta di numerosi comportamenti contrari alla normativa nazionale, comunitaria ed internazionale che regola il comparto della pesca sia professionale che sportiva, da cui sono discesi i consequenziali interventi repressivi con l’elevazione di verbali amministrativi, penali e relativi sequestri.

 

Sono state riscontrate le seguenti violazioni, per un totale di oltre € 15.000:

• 8 illeciti amministrativi relativi alla commercializzazione di prodotti ittici privi di corretta etichettatura e/o tracciabilità;

• 1 sequestro amministrativo di oltre 500 esemplari di ricci di mare catturati illegalmente da pescatori sportivi;

• 1 notizia di reato con relativo sequestro di circa 90 kg. di triglie sottomisura poste in vendita presso il mercato ittico di Scoglitti;

• 1 notizia di reato per frode in commercio relativa alla vendita di “pesce ghiaccio” offerto come “neonata” e pesce decongelato offerto come fresco;

• 1 sequestro amministrativo di oltre 100 tubi in pvc per la pesca dei polpi posizionati in mare senza essere adeguatamente segnalati;

• 1 sequestro amministrativo di oltre 300 mt. di rete da posta calata illegalmente e senza segnalazione in prossimità dell’imboccatura del porto di Pozzallo;

• 1 notizia di reato e relativo collegato illecito amministrativo per minaccia e resistenza agli ispettori pesca nell’esercizio delle loro funzioni.  

 

Le attività di verifica ed i controlli sopra citati continueranno ad essere effettuati periodicamente anche nel prossimo mese di dicembre, allo scopo di reprimere gli abusi riscontrati ma, soprattutto, con finalità preventiva, per diffondere la “cultura della legalità” e permettere a tutti gli operatori del settore ittico di raggiungere uno standard qualitativo elevato dei diversi servizi offerti, rivolto a tutelare la sicurezza alimentare ed, al contempo, alla soddisfazione delle esigenze del consumatore.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry