fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 26 febbraio 2015 – La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Siracusa rende noto che, con il Comando della Polizia Municipale – Settore Ambiente ed in collaborazione con l’ARPA di Siracusa, è stata portata a termine oggi un’attività di Polizia Giudiziaria volta alla repressione dei reati ambientali nell’ambito del Porto di Siracusa in un’area compresa nel Sito di Interesse Nazionale di Priolo.

I militari della Guardia Costiera, già impegnati da diversi giorni in altra attività di tutela demaniale ed ambientale all’interno del porto di Siracusa,  si sono recati nei pressi dell’area denominata “Calafatari” ove hanno riscontrato la presenza di un ingente quantitativo di  rifiuti pericolosi e non, speciali ed ingombranti, consistenti in elettrodomestici, barattoli in lamiera di oli motore e vernici, pneumatici,  materiale ferroso, vetri frantumati, filtri di olio motore e plastica di generi diversi.  

I rifiuti erano stati abbandonati nella zona sopraccitata in due aree distinte, nonché, all’interno di un manufatto, in muratura, compreso in una delle due aree.  

 Con l’operazione di Polizia Ambientale posta in essere e  finalizzata alla repressione dei reati ambientali, il personale del Nucleo Operativo Difesa Mare della Guardia Costiera aretusea e la  Polizia Ambientale del Comune di Siracusa, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, ha posto sotto sequestro l’area in ambito portuale, illecitamente utilizzata come una vera e propria discarica a cielo aperto.                                                                                                                    
      Immediatamente il personale operante  ha provveduto ad apporre i sigilli all'intera area interessata da svariati rifiuti di ogni genere, tali da compromettere sia le matrici ambientali, quanto pregiudicare la salute, l'igiene e sanità pubblica e privata.
      Si è provveduto al sequestro dell'area in questione, complessivamente estesa per circa 450,00 mq., nonché alla conseguente denuncia contro ignoti per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e getto pericoloso di cose, non avendo individuato i responsabili del reato.

  La Capitaneria di Porto di Siracusa ed il Comando di Polizia Ambientale colgono l’occasione per ribadire che l’abbandono di Rifiuti speciali e pericolosi  come nel caso di specie è un reato previsto dall’art 192 e sanzionato dal 256 del D.lgs 152 /2006 Testo Unico Ambiente e dall’art. 634 del vigente Codice Penale.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry