fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 3 aprile 2015 – Stanotte la Polizia di Modica ha  eseguito un Mandato di Arresto Europeo nei confronti del   quarantenne cittadino romeno A.C., da tempo domiciliato a Modica seppur residente nel Comune di Ispica. 

Al rintraccio dell’uomo in questo centro si è giunti  nel corso  di un servizio di controllo del territorio per la prevenzione dei reati in genere, atteso che gli Agenti del Commissariato di Modica venivano segnalati alcuni  cittadini stranieri sospetti intenti a circolare per gli agri modicani appiedati, tanto da insospettire gli abitanti delle contrade in questione.

Notato tale atteggiamento che non si concludeva con la commissione di alcun reato, , la polizia si determinava ad osservare in maniera discreta i soggetti segnalati fino a seguirli presso un abitazione di C.da Torre Rodosta.

Successivamente a tali riscontro di osservazione, il personale del Commissariato di Modica decideva comunque, ai fini preventivi di identificare gli occupanti dell’abitazione. Pertanto alle prime luci dell’alba si faceva irruzione e si procedeva alla perquisizione ed identificazione dell’unico cittadino rumeno che occupava l’immobile. 

Questi, identificato  per  A.C. risultava positivo in Banca dati Schengen, ovvero per reati commessi all’estero, colpito da un  mandato di arresto europeo, per gravi lesioni cagionate ad un connazionale, quando era ancora residnete nel paese di origine .

Pertanto A.C. è stato condotto presso gli uffici del Commissariato e al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Ragusa e messo a disposizione della Corte di Appello di Catania. 

Alla luce dell’arresto sopra menzionato, proficua è risultata l’attività di prevenzione svolta dalla Polizia a Modica che, anche in assenza di reati commessi dal cittadino rumeno in questo territorio, ha saputo assicurarlo alla giustizia per reati commessi all’estero. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry