fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 4 agosto 2014 – Mare più sicuro sulle coste iblee. Dal mese di agosto ritorna in dotazione alla Guardia Costiera di Scoglitti un nuovo gommone con il quale sarà incrementata l’attività di vigilanza lungo tutto il litorale di giurisdizione, da Punta secca a Marina di Acate.

Il battello veloce, denominato “G.C. 334”, verrà utilizzato dal personale militare nello svolgimento dell’attività di vigilanza e controllo che la Guardia Costiera effettua quotidianamente a tutela della sicurezza della navigazione, della balneazione e della salvaguardia della vita umana in mare. 

Il nuovo battello G.C. è entrato in attività già dal 1 agosto lungo il litorale di giurisdizione, nell’ambito dell’operazione nazionale della Guardia Costiera “Mare Sicuro 2014”, che ormai da anni viene promossa dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera e durante la quale, ogni estate, il personale della Guardia Costiera è chiamato ad assolvere un delicato compito, che lo vede attore principale nella duplice veste di supervisore presente ed attento del trascorrere sereno delle attività balneari dei fruitori del mare e contestualmente tutore dell’ordine nei confronti di comportamenti pericolosi ed illeciti. 

Con il nuovo gommone messo a disposizione dell’Ufficio Locale Marittimo di Scoglitti si potenzia il controllo sul litorale di giurisdizione e si assicura a tutti i naviganti maggiore sicurezza in mare.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry