fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Hanno forzato la recinzione di un terreno agricolo ed hanno caricato sull’autovettura diversi chili di mandorle e carrubbe ma sono stati sorpresi ed arrestati da una pattuglia dei Carabinieri

 

Modica, 19 agosto 2015 – Ieri pomeriggio i Carabinieri delle Stazioni di Ispica e Pozzallo hanno arrestato in flagranza di reato due uomini sorpresi dopo aver rubato diversi prodotti agricoli da un terreno privato in località Musalli (Marina di Modica).

Sono due cittadini di origine romena, I.V.S. (1987), e F.L.D. (1985), entrambi muratori incensurati.

Infatti, i due giovani hanno individuato il terreno agricolo ed hanno “deciso“ di compiere il furto.

Hanno atteso qualche momento per accertarsi di non essere visti da nessuno e, dopo aver tagliato parte della recinzione esterna, sono entrati con la loro autovettura all’interno del terreno ed hanno iniziato a riempire dei grossi sacchi con i prodotti agricoli, diversi chili tra mandorle e carrubbe.

Tuttavia, un passante ha notato lo strano movimento dei due uomini e, insospettitosi, ha immediatamente allertato il 112.

Dopo pochi minuti è intervenuta una pattuglia dei Carabinieri che ha sorpreso i due ladri mentre stavano per salire a bordo della loro autovettura nel tentativo di dileguarsi.

Giunti sul posto, dunque, i militari dell’Arma hanno bloccato tempestivamente i due ragazzi e li hanno sorpresi con diversi sacchi pieni di prodotti asportati dal terreno, in particolare, circa 20 kg di mandorle e quasi 100 kg di carrubbe.

I due malviventi, dunque, una volta bloccati dai Carabinieri, sono stati portati in caserma dove sono stati dichiarati in stato di arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore  Valentina Botti, entrambi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

L’intera refurtiva è stata recuperata dai Carabinieri e restituita al proprietario.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry