fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 21 agosto 2015 – Intensa attività svolta nell’ambito del Compartimento marittimo di Siracusa, nei giorni scorsi dagli uomini del 3° Nucleo Subacquei Guardia Costiera di Messina. 

Sempre con il costante appoggio dei mezzi nautici e del personale della Capitaneria di Porto di Siracusa, il personale subacqueo ha operato soprattutto all’interno dell’Area marina protetta del “Plemmirio” dove nella giornata del 20 agosto sono state rinvenute e sequestrate novantasei nasse abusivamente calate e non debitamente segnalate con conseguente grave pericolo per la sicurezza della navigazione. Veniva altresì rinvenuto e posto sotto sequestro un palangaro di circa 100 ami, anch’esso abusivamente calato a mare sempre nella stessa zona.

Il 21 agosto è stata posta sotto sequestro una rete di circa 1000 metri rinvenuta in prossimità dell’imboccatura del Porto Grande di Siracusa, costituente anch’essa evidente pericolo per le imbarcazioni in transito.

L’attività proseguirà nei prossimi giorni anche in vista del prevedibile intensificarsi delle attività diportistiche e balneari del fine settimana. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry