fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa Ibla, 1 settembre 2015 – I carabinieri di Ragusa hanno arrestato due fratelli per furto aggravato in abitazione.

Domenica a Ragusa Ibla si sentivano continui colpi di martello: lavori di edilizia nei pressi di piazza della Repubblica, in un’abitazione di Salita Commendatore, bella scalinata di palazzi e case antichi con al centro la chiesa barocca di Santa Maria dell’Itria.

Ua donna allarmata (lavori di domenica?) ha chiamato il 112 e una pattuglia radiomobile è intervenuta sul posto, entrando in casa, e trovando due “vecchie conoscenze” dei militari dell’Arma, i fratelli A. e A. S., pregiudicati, uno sorvegliato speciale e l’altro ex, noti anche per tale tipo di “lavori”.

I due sono stati bloccati e caricati in auto. La casa si presenta come un campo di battaglia con mobili spostati (peraltro all’appello pare ne manchino un paio) e piastrelle divelte a colpi di scalpello in tutta la casa. Circa 200 lastre di 45X45 erano già state staccate e accatastate per essere portate via, probabilmente la notte successiva approfittando del buio.

Il valore della merce, senza considerare il valore del danno all’immobile e ai soldi che ci vorranno per lastricare nuovamente le stanze, sarebbe stato notevole, la pietra pece nuova, diventata molto rara, costa intorno ai cento euro a metro quadro, e quella antica – come nel caso di specie – è dagli appassionati pagata a peso d’oro per abbellire le abitazioni nuove o ristrutturate. Con i 40 metri quadri già pronti alla vendita i due criminali avrebbero fruttato almeno 4.000 euro.

Le piastrelle sono state direttamente rese alla proprietaria.

I due tipi, accompagnati in caserma e dichiarati in arresto per furto aggravato in abitazione in concorso, dopo i rilievi foto-segnaletici sono stati sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione del magistrato inquirente.

Purtroppo le molte case antiche non abitate sono facile preda dei ladri che portano via tutto, dai mobili alle travi da soffitto, dalle piastrelle agli infissi in pietra delle porte, senza parlare di scalini e caminetti. 

In genere queste cose finiscono in un mercato illecito di antiquariato costringendo i carabinieri dei nuclei tutela patrimonio culturale a sforzi notevoli tra mercatini dell’antiquariato e botteghe di restauratori alla ricerca di materiali trafugati.

Fortunatamente, anche questa volta, la sinergia tra un cittadino coscienzioso, un operatore 112 intelligente e una pattuglia veloce e determinata, hanno permesso ai carabinieri di stroncare l’ennesimo furto flagrante.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry