fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 24 ottobre 2015 – Il Nucleo Operativo Difesa Mare della Capitaneria di Porto di Siracusa e dell’Ufficio Locale Marittimo di Portopalo di C.P., ha portato a termine, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Siracusa, un’attività di Polizia ambientale in località “Punto Rio” del Comune di Pachino. 

Sulla spiaggia della località, è stata rinvenuta la presenza di frammenti di manufatti in eternit sparsi su un’area di circa 1.500 mq, misti ad altrettanti pezzi di materiale di provenienza edile di tipo  basaltico. 

L’attività è stata condotta congiuntamente al personale tecnico dell’ARPA di Siracusa ed al personale del settore ecologia del Comune di Pachino, con i quali, è stato  valutato lo stato di fatto derivante dalla presenza di  rifiuti pericolosi giacenti sull’arenile e sono state vagliate le procedure da adottare per la messa in sicurezza del sito trattandosi, tra l’altro, di un’area ad alta frequenza turistico – balneare. I rifiuti rinvenuti sono riconducibili ad attività di demolizione edile operata da ignoti che, senza scrupoli, hanno deturpato un’area di alto pregio paesaggistico e  hanno creato nocumento per l’ambiente marino e costiero, nonché pericolo per la pubblica incolumità trattandosi di materiale contenente sostanze pericolose per la salute umana. 

Per questo motivo, la zona è stata posta  sotto sequestro.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry