fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

I Carabinieri a difesa delle zone rurali e delle imprese agricole. Tre arresti per il furto di 400 kg di agrumi da un’azienda di Ispica

 

Ispica /rgs), 16 dicembre 2016 – Tra le incombenze più onerose che vedono da sempre impegnati i militari dell’Arma vi è la tutela dell’immenso patrimonio agricolo della Provincia Ragusana, spesso oggetto di reati di natura predatoria o estorsiva, come dimostrato dalla recente operazione “Guardian” conclusa dai Carabinieri di Ragusa la scorsa settimana, con il risultato concreto di aver disarticolato un’organizzazione criminale che vessava le imprese agricole, sul versante vittoriese, attraverso richieste estorsive o imposizione di servizi di guardiania.

In questo scenario operativo, i Carabinieri della Compagnia di Modica hanno eseguito uno specifico servizio di prevenzione e repressione dei reati predatori in zona rurale su tutto il territorio di competenza, a tutela delle aziende agricole presenti, spesso prese di mira da malviventi che, oltre ad arrecare danni, si impossessano di prodotti ed attrezzature.

Nel corso del servizio, nelle campagne di Ispica, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato tre soggetti sorpresi a rubare all’interno di una di queste aziende.

I militari dell’Arma hanno trovato i tre, due uomini ed una donna, mentre caricavano frettolosamente numerose cassette di agrumi sulla loro autovettura. 

I tre rei, accortisi dell’arrivo dei Carabinieri, sono saliti a bordo della macchina nel tentativo di dileguarsi, ma sono stati subito bloccati.

Nel portabagagli del veicolo, i militari dell’Arma hanno trovato circa 400 kg. di limoni appena raccolti.

Gli autori del furto, uno di 27 anni e due di 18, incensurati, sono stati condotti presso la caserma dei Carabinieri di Ispica e sono stati dichiarati in arresto per il reato di furto aggravato in concorso e, dopo le formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno presso il Tribunale di Ragusa, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

La merce asportata è stata interamente recuperata dai Carabinieri e riconsegnata al legittimo proprietario.

Il fenomeno dei furti ai danni delle aziende agricole, che costituiscono uno dei settori più importanti per l’economia della Provincia, è continuamente monitorato da tutte le forze dell’Ordine presenti sul territorio e prioritariamente dall’Arma dei Carabinieri che, grazie alla sua capillare distribuzione sul territorio, con gli importanti presidi di prossimità dei vari comandi di stazione, costituisce la forza in campo di più rapido impiego per la prevenzione e la repressione di simili reati.

Da un’analisi statistica condotta nel 2014 risulta che per i furti in aree rurali, per l’illecito impossessamento di prodotti o mezzi inerenti l’agricoltura (Trattori, macchine agricole, prodotti fitosanitari) sono state tratte in arresto, dalle forze di Polizia nella Provincia di Ragusa, 48 persone, 205 deferite in stato di libertà, sono stati effettuati 3000 servizi perlustrativi, 368 perquisizioni locali ed 891 perquisizioni personali\veicolari.

I Carabinieri proseguiranno anche nei prossimi giorni ulteriori mirati servizi di prevenzione e repressione di questi reati che, oltre ad arrecare danni per la sottrazione dei prodotti agricoli, vede presi di mira gli impianti di irrigazione, gli attrezzi utilizzati per la coltivazione, con ingenti danni economici per gli imprenditori di un settore che negli anni ha già risentito pesantemente della crisi economica.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry