fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Storia della moneta ed economia circolare per sensibilizzare i ragazzi  

 

Ragusa, 17 gennaio 2020 – I club Rotary di Ragusa e Ragusa Hybla Heraea, sul solco tracciato nel corso della precedente esperienza formativa, risultata molto positiva e coronata da notevole successo e di partecipazione degli alunni e di comunicazione mediatica, hanno progettato per l’anno sociale 2020-2021 lo svolgimento di un concorso tra gli alunni delle 1^ classi delle scuole secondarie di Ragusa sul tema: “Dal primo centesimo di Zio Paperone”. Obiettivo è quello di far conoscere ed approfondire le tematiche inerenti alla storia della moneta e alla consapevolezza dell’uso del denaro nella vita quotidiana. Il concorso sarà diviso in due sezioni: produzione di un testo narrativo e realizzazione di un elaborato grafico pittorico.

I partecipanti (circa 600 scolari) presenteranno degli elaborati scritti e/o grafici; il concorso si concluderà tra il 20 settembre e il 15 ottobre del corrente anno, in tempo per procedere alla premiazione il 31 ottobre, dedicata alla “Giornata del Risparmio”.
Trattandosi di un’attività da svolgere all’inizio dell’anno scolastico 2020/2021, si è pensato di effettuare una serie di informative propedeutiche per gli alunni che quest’anno frequentano la 5^ classe della scuola primaria, in modo da renderli edotti sull’evoluzione storica della moneta, sulla funzione sociale del risparmio, sul rapporto tra consumi e investimenti. Usufruendo anche del materiale didattico predisposto dalla Banca d’Italia, l’attività formativa ha avuto già inizio in questi giorni presso le quinte elementari di Ragusa, grazie, ancora una volta, alla disponibilità di Angelo Battaglia e Rino Strazzeri, cultori di tematiche economico-finanziarie e già dipendenti dell’ormai storica Sicilcassa.
Avete apportato delle novità rispetto alle tematiche trattate negli anni scorsi? “Rispetto alla precedente edizione – spiega Angelo Battaglia – stiamo cercando di coinvolgere i ragazzi non solo su tematiche strettamente correlate alle precedenti edizioni, ma anche su quelle che possiamo definire attualissime quali il risparmio alimentare e, al contempo, avendo regalato dei salvadanai in plastica, stiamo trattando il concetto di economia circolare”.
“L’economia circolare – afferma Strazzeri – è un sistema economico in cui circolano idee importantissime come quella della ri-generazione. Insomma, di ri-ciclo, di ri-uso. Tanti ‘ri’ da capire, approfondire e da porre nella giusta considerazione affinché non siano considerati solo come prefissi che rendono virtuosi concetti quotidiani. Urge, pertanto, la necessità di sapere applicare nobili principi a un mondo in cui i bisogni concreti si fanno sentire sempre con più insistenza”.
In che modo trattate la delicata problematica? “Quando si ha a che fare con dei ragazzi quello che funziona sempre è dare il buon esempio. Per tale motivo abbiamo provveduto a regalare i salvadanai in plastica, in modo tale che dopo l’uso vengano poi ri-utilizzati per altre occasioni. È necessario prendere consapevolezza che il modello ciclico della natura, dove nessuna risorsa viene sprecata, funziona. I prodotti di oggi potrebbero diventare le risorse future”.
In questo itinerario di sensibilizzazione, anche verso le nuove generazioni, “è doveroso ringraziare – conclude Strazzeri – i non pochi sponsor che ci stanno aiutando e che, come per le passate edizioni, non ci hanno fatto mancare il loro prezioso supporto”.  

Giuseppe Nativo

Ragusa Locandina  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry