fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 6 novembre 2014 – La Coldiretti di Siracusa a difesa del vero made in Italy. Domani, 7 novembre,  dalle 9.00 alle 12.00, al mercato di Campagna Amica di piazza Adda, si raccoglieranno le firme per sbloccare la pratica ferma dal marzo 2011 e formalizzare al Comitato Intergovernativo dell’Unesco la candidatura “dell’Arte della Pizza” patrimonio immateriale dell’umanità. L’iniziativa nazionale oltre che della Coldiretti, è  della Fondazione Univerde e dell’Associazione Pizzaiuoli napoletani.  

"La pizza, realizzata con ingredienti tipici italiani – spiega il direttore Pietro Greco – rappresenta un emblema del nostro Paese.  Anche la Sicilia ha una tradizione pizzaiola con varianti e ingredienti che la rendono unica. Il nostro obiettivo è quello di una valorizzazione che porti valore aggiunto e che riguarda tutto: dall’impasto al condimento, all’abilità dei maestri pizzaioli. L’impegno che assumiamo insieme agli altri organizzatori - aggiunge Pietro Greco - è quello di far completare l’iter per l’iscrizione nel patrimonio cultuale immateriale dell’umanità. Questo contribuirebbe - conclude - ad una produzione in linea con le tradizioni regionali anche storico culturali in vista dell’Expo del prossimo anno". 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry