fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 Siracusa, 11 aprile 2015 – Meno merendine, più cibi sani: un invito che la Coldiretti, domani e domenica mattina a partire dalle 9.00, durante la fiera regionale agrozootecnica in corso a Canicattini Bagni, rafforzerà offrendo ai bambini e agli studenti “la colazione del contadino”, un esempio concreto di come si possa mangiare sano con i prodotti del territorio. 

A livello nazionale, i bambini in sovrappeso – dice il direttore Coldiretti di Siracusa, Pietro Greco, sono il 20,9% mentre quelli obesi sono il 9,8 % sulla base di un campione di età compresa 8-9 anni nelle scuole primarie. Le prevalenze più alte si registrano proprio nelle Regioni del Sud e del Centro ma in generale si tratta di livelli elevati che pongono l'Italia ai primi posti in Europa. E’ il  risultato di cattive abitudini con l'8% dei bambini che salta la prima colazione e il 31% che la fa non adeguata, ma anche con il 41% che assume abitualmente bevande zuccherate e gassate.

Miele, pane e formaggio dell’azienda di Mario  Italia danno la carica e l’energia giusta per iniziare la giornata – commenta il vicedirettore, Calogero Fasulo -. Durante la tre giorni della fiera vogliamo diffondere proprio i principi della sana alimentazione come regola di prevenzione.

La fiera, inaugurata stamani al Foro Boario, si concluderà il 12 aprile.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry