fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Due giornate a Ragusa Ibla per Pubbliche Amministrazioni e aziende private

 

Ragusa, 16 novembre 2016 – Venerdì 18 e sabato 19 novembre 2016, Ragusa Ibla ospiterà due giornate di formazione professionale dedicate al Cerimoniale.

Per la prima volta ANCEP organizza un evento in Sicilia, avvalendosi in questa occasione della collaborazione dell’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica ed Istituzionale e dell’Amministrazione Comunale di Ragusa. 

ANCEP, dal 2015 tra le Associazioni Professionali riconosciute dal Ministero della Sviluppo Economico, rilascia Attestazioni di Qualificazione Professionale di Cerimonialista secondo quanto previsto dalla Legge n. 4/2013.

Le giornate rappresentano un’occasione importante per chi desidera conoscere e approfondire il mondo del Cerimoniale e per chi, per motivi di lavoro, vuole intraprendere un percorso di crescita professionale. Ad arricchire la proposta formativa contribuisce la scelta di incentrare il programma sul Protocollo Istituzionale e sulle regole che sono alla base dell’accoglienza, dell’ospitalità, della relazione.

 

Programma

“Cerimoniale: cultura, formazione e professione. Per un linguaggio comune tra Pubblica Amministrazione e Aziende” è il titolo dell’evento che si svolgerà presso la Sala Conferenze dell’Hotel “Antico Convento dei Cappuccini” di Ragusa Ibla.

I lavori inizieranno venerdì 18 novembre alle ore 9:00 e saranno introdotti da Linda Migliorisi (Progetto ANCEP Ragusa 2016) ed Ernestina Alboresi (Past President ANCEP). La formazione proseguirà con le lezioni, al mattino, di Tiziana Busato “Elementi di business etiquette: il Cerimoniale aziendale” e nel pomeriggio del giornalista Marco Magheri “Comunicazione esterna e reputazione della Pubblica Amministrazione”.

Alle ore 17:00 è prevista la conclusione per consentire di raggiungere l’Aula Magna del Consorzio Universitario di Ragusa dove si svolge la conferenza pubblica “Attualità ed efficacia del linguaggio cerimoniale”. Dopo i saluti delle Autorità, interverranno il Presidente Nazionale ANCEP Leonardo Gambo su “Il Cerimoniale Istituzionale”, Marco Magheri “Comunicazione e reputazione” e l’esperta di Etichetta Barbara Ronchi della Rocca che condividerà competenze ed esperienza su “Il Galateo ieri e oggi”.

Sabato 19 novembre, nella Sala Conferenze dell’Hotel “Antico Convento dei Cappuccini”, la formazione riprenderà alle ore 9:00 con la lezione di Barbara Ronchi della Rocca dedicata ad “Accoglienza: tra calore e rispetto”, quindi Giovanni Battista Borgiani prenderà in esame “Il cerimoniale nell'organizzazione degli eventi conviviali”. Anche il pomeriggio verrà riservato ad approfondire il tema dell’evento conviviale.

 

Informazioni

Programma e modulo di iscrizione sono consultabili sul sito internet ANCEP (www.cerimoniale.net).

Ai Soci ANCEP saranno riconosciuti 10 Crediti Formativi validi per il conseguimento dell’Attestazione di Qualificazione Professionale di Cerimonialista che ANCEP, grazie al riconoscimento del Ministero dello Sviluppo Economico, può rilasciare in base all’art. 7 della Legge 14 gennaio 2013, n. 4.

Ai Soci di COMUNICAZIONE PUBBLICA saranno riconosciuti 4 Crediti Formativi validi per il conseguimento dell’Attestazione di Qualificazione Professionale di comunicatore pubblico che Comunicazione Pubblica, grazie al riconoscimento del Ministero dello Sviluppo Economico, può rilasciare in base all’art. 7 della Legge 14 gennaio 2013, n. 4.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry