fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 18 novembre 2016 – Subito al lavoro la quaterna dei rappresentanti sindacali unitari dell’ENI Versalis che ha preso parte a Brindisi ad una formazione congiunta per gli attori sociali su produttività e occupabilità, il sistema chimico di relazioni industriali. 

Per Giorgio Mirabella (Femca-Cisl) si è trattato “di un appuntamento molto importante nel quadro del modulo formativo che accresce sempre di più la conoscenza dei processi della chimica italiana”. Intanto per quanto riguarda le elezioni delle Rsu all’interno della Versalis di Ragusa si può dire che c’è un’azienda abbastanza effervescente e viva. 

Tant’è che hanno votato 119 persone sui 130 aventi diritto e l’urna ha confermato ancora una volta che il primo sindacato e la Femca con 42 voti, seguita dalla Filctem-Cgil con 37 e dalla Uiltec con 34. Chiude l’Ugl con 6 voti. Gli eletti sono stati Giorgio Mirabella e Giovanni Nobile della Femca-Cisl con 21 e 13 voti, Peppe Bisceglia della Uiltec con 18 voti e Giovanni Pagano della Filctem-Cgil con 16 voti. 

“Ancora una volta – ha detto Giorgio Mirabella – ringrazio i colleghi di lavoro che mi hanno rinnovato la fiducia. L’anno che sta passando è stato importante per la nostra azienda. L’Eni è rimasta con noi ed è stata scongiurata la chiusura. Abbiamo affrontato la vicenda come una famiglia ed alla fine i risultati sono arrivati. Credo nel ruolo della Rsu e sono pronto a battagliare in qualunque momento se ce ne fosse bisogno. Ringrazio anche gli uscenti Angelo Carlo Cilia e Giannandrea Occhipinti per il lavoro fatto in questi anni”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry