fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Convegno al Centro Studi “Feliciano Rossitto” di Ragusa 

Ragusa, 21 ottobre 2019 – Domenica 27 ottobre 2019, alle ore 10, presso l’Auditorium del Centro Studi “Feliciano Rossitto” (Via Ettore Majorana, 5 – Ragusa) si terrà il convegno avente per tema “Giovanni Spampinato. Una vita per la verità a 47 anni dall’assassinio”. Interverrà il presidente della Commissione parlamentare antimafia sen. Nicola Morra. Ha assicurato la sua presenza Salvatore Spampinato, fratello del giornalista assassinato.

L’apertura dei lavori è affidata a Giorgio Chessari (presidente del Centro Studi F. Rossitto). È previsto il saluto di Giuseppe Cassì (sindaco di Ragusa) cui seguirà il video messaggio del presidente della Camera dei Deputati, on. Roberto Fico.

Relatori: Franco Nicastro (giornalista, già vice direttore de “L’Ora”), Angelo Di Natale (giornalista), Giuseppe Pisani (senatore della Repubblica), Dino Giarrusso (deputato europeo), Peppe Scifo (segretario provinciale della CGIL Ragusa), Vito Lo Monaco (presidente del Centro Studi Pio La Torre), Gianni Battaglia (presidente dell’ANPI di Ragusa), Simone Lo Presti (referente presidio Libera Ragusa “Daphne Caruana Galizia” di Libera). Nel corso dell’incontro verrà proiettato un contributo video di Paolo Borrometi).

Hanno assicurato la loro presenza: Giorgio Assenza, Stefania Campo, Nello Di Pasquale, Maria Lucia Lorefice, Orazio Ragusa. 

Giuseppe Nativo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry