fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Modica, 27 gennaio 2020 – Lo scorso 25 gennaio il “sabato letterario” del Caffè Quasimodo è stato incentrato sulla giornata della memoria che si tiene il 27 gennaio, puntando l’attenzione su “Il diario poetico di Pietro Garofalo (1943-1945).

Garofalo, modicano novantottenne ancora vivente e residente nel quartiere Sacro Cuore della città, è nato nel settembre del 1921, ha frequentato il Liceo Classico di Modica ed è stato seminarista dal a Noto dal 1935 al 1940. Nel 1942 partì come recluta e dopo il giuramento partecipò alla Seconda Guerra mondiale; dopo l’8 settembre 1943 fu fatto prigioniero e visse da internato militare prima a Karlovac in Croazia, poi in Germania Neubrandeburg, ove su mandato a lavorare ad Hagenow nella fabbrica Anschuz nel Fliegerhorts.  

Ad aprire l’incontro è stato lo stesso Garofalo che, in un video, ha narrato qualcosa della sua esperienza di prigioniero e internato militare, al pubblico intervenuto, quindi è stato il prof. Gabriele Perrone, docente di storia e filosofia, che ha curato la pubblicazione del libro, a presentare il volumetto di Pietro Garofalo ove si trova una breve analisi della situazione degli internati militari italiani nel periodo 1943-1945 e la testimonianza umana del Garofalo, il quale in alcune composizioni poetiche esprime i suoi sentimenti, lo stato d’animo e il dramma interiore vissuto durante la guerra e la sua prigionia”.

Nel suo intervento Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, ha sottolineato come Pietro Garofalo ci consegni, con il suo diario personale,  una testimonianza umana supportata da appunti di prigionia che sono stato ricostruiti grazie al curatore Gabriele Perrone, il quale ha dato una progettazione scritturale ed editoriale ai fatti, agli accadimenti, ai sentimenti , ai risentimenti e alle vicende vissute dal Garofalo.

Il volumetto ci offre, sostanzialmente, tre orizzonti di riflessione:

– l’orizzonte prettamente storico con delle note relative al dramma dei militari italiani all’indomani dell’8 settembre 1943, alla loro sorte di deportati nel lager, di internati militari sottoposti a violenze, umiliazioni e forme di razzismo;

– un secondo orizzonte di natura memoriale, caratterizzato da date memorabili della vita di Pietro Garofalo, da inserti fotografici, da elenchi di antenati e di componenti della sua famiglia;

– e infine l’ orizzonte di natura poetica: nel libro ci sono infatti 16 composizioni poetiche , semplici ma intense sul piano del sentimento, ove Garofalo riporta i suoi stati d’animo, le sue paure e angosce, le umiliazioni e violenze subite, la sua nostalgia di casa, le sue esperienze di dolore, i suoi continui mutamenti d’animo mentre vive la condizione di prigioniero e di internato militare.

Una testimonianza, insomma, che fa riflettere su quelle tristi pagine di guerra e di morte che sono ancora oggi al centro della “Giornata della memoria”. 

Giovanni Drago e Giovanni Blundetto della Compagnia teatrale “ I Caturru” di Scicli (Giovanna Drago, Giovanni Blundetto)  hanno letto  sei componimenti poetici tratti dal diario e commentati da Silvana Blandino, mentre il “Duo Ibert”, composto dal M° Giuseppe Mallia, al flauto, e dal M° Lino Gatto alla chitarra, ha intervallato la serata con intermezzi musicali. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry