fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 6 luglio 2020 — Cambio al vertice del Rotary Club di Ragusa. Il più antico dell’area iblea (e il quinto più antico dell’intero Distretto 2110 Sicilia e Malta) ha celebrato il tradizionale passaggio della campana tra il presidente uscente, Pietro Di Quattro, e l’entrante, Patrizia Rosafalco.

Per i motivi legati all’emergenza sanitaria, il nuovo anno rotariano, il 2020-2021, è stato avviato in forma assolutamente inedita: i soli direttivi uscente e quello entrante con il necessario distanziamento e quindi una particolare atmosfera rispetto agli anni passati. Pietro Di Quattro, dopo un breve discorso per illustrare l’attività svolta (del resto molto limitata proprio dalla diffusione del Covid-19) ha passato il collare a Patrizia Rosafalco, che a sua volta ha illustrato i progetti di service del club nell’annata che terminerà a luglio del prossimo anno (uno di questi già finanziato e pronto ad essere avviato con la collaborazione del Comune di Ragusa).

Con l’avvocato Rosafalco, il nuovo Direttivo è formato dall’incoming president, Pippo Antoci, il past president Pietro Di Quattro, il vice presidente Rosario Distefano, il tesoriere Giorgio Spoto, il segretario Katia Blasco, il prefetto Gaetano Veninata, i consiglieri Giovanna Arezzo, Roberto Sica, Marco Cascone e Antonio Calì.

Salvo Micciché

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry