fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un ciclo di studi in memoria dell'avv. Antonio Ricupero

 

Siracusa, 10 novembre 2015 – Si terrà domani, mercoledì 11 novembre, alle ore 17.30 nella chiesa di San Nicolò all'ingresso del Parco archeologico della Neapolis a Siracusa, un incontro inserito nel ciclo di studi in memoria dell'avvocato Antonio Ricupero. 

Il dottor Felice Lima, giudice presso il tribunale civile di Catania, e l'avvocato Ettore Randazzo presidente nazionale del Lapec (Laboratorio permanente esame e controesame e giusto processo), tratteranno il tema: “Il giudice e l'avvocato. Due coscienze ed una legge?”.

L’incontro è organizzato dalla sezione dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani di Siracusa, guidata dal prof. Salvatore Amato, che sta promuovendo un ciclo di studi in memoria dell'avv. Ricupero, del quale si celebra quest'anno il decennale della scomparsa.

Penalista del foro di Siracusa, segretario del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati, Antonio Ricupero è stato per circa dodici anni presidente della sezione di Siracusa dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani, che sotto la sua guida è diventata una delle sezioni dell'Unione più importanti a livello nazionale. 
Nominato delegato regionale, l'avv. Ricupero venne chiamato a ricoprire il prestigioso incarico di consigliere nazionale dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani.
L'evento è in corso di accreditamento del consiglio dell'ordine degli avvocati di Siracusa ai fini della formazione professionale continua.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry