fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa. Ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, commemorazione del 75° anniversario della “Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”    

 

Ragusa, 19 novembre 2016 – Lunedì 21 novembre 2016, alle ore 11, a Ragusa, presso la Chiesa  di San Francesco d’Assisi, Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Carmelo Cuttitta Vescovo di Ragusa officerà la solenne Celebrazione Eucaristica nella ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Celeste Patrona dell’Arma e del 75° anniversario della “Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”.

Alla cerimonia, organizzata dal Comandante Provinciale Ten. Col. Federico Reginato, sono state invitate le massime autorità civili, militari e religiose della provincia, gli Ufficiali, i Marescialli, i Brigadieri, gli Appuntati e i Carabinieri, unitamente alle Associazioni Combattentistiche delle varie Armi, nonché le vedove e gli orfani dell’Arma.

Durante la cerimonia verrà recitata la “Preghiera del Carabiniere”, mentre il Comandante Provinciale terrà una breve allocuzione rievocativa e, al termine, sarà intonato da parte di tutti i presenti e dal coro parrocchiale l’“Inno alla Virgo Fidelis”.

La Vergine Maria fu proclamata Patrona dell’Arma, con il titolo di “Virgo Fidelis”, nel 1949, da Papa Pio XII, il quale, ispirandosi al motto dei Carabinieri “Nei secoli fedele”, ne fissava la celebrazione proprio il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della Battaglia di Culqualber, fatto d’armi in cui l’eroismo, fino alla morte, del 1° Battaglione Carabinieri Reali mobilitato in Africa Orientale, composto da due Compagnie Carabinieri, che valse alla Bandiera dell’Arma la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry