fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Rubrica: Poetando

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poetando

 

Che cos’è l’affetto di una mamma verso la propria figlia? Non ha prezzo, non ha limiti di spazio né di tempo. È una sorta di tavolozza ricca di colori dalle sfumature diverse ma che serve a dare articolazione alla tela della vita. L’eco di ricordi e parole animano il cuore di Mamma ripercorrendo momenti gioiosi, talora dolorosi, ma sempre vissuti intensamente. Proprio in un pomeriggio estivo, afoso, dove la calura rende asciutti i pennelli che tracciano segni curiosi sul foglio, l’animo artistico ed eclettico di Margaret Carpenzano vola verso una dimensione lirica dove la successione dei lampi di memoria fornisce allo scritto la musicalità della poesia.

«Questa lirica – dice l’autrice - è arrivata in un pomeriggio afoso. In un attimo di silenzio, dove tutto tace, ho udito un lamento e non è stato difficile capire che fosse il cuore di una madre. Riposto in un angolino recondito, rannicchiato, senza dare all'occhio, viveva il suo dolore senza far rumore. Allora gli ho chiesto perché fosse così triste, cosa rendesse cupe le sue giornate e lui è stato, finalmente, riconoscente di essere ascoltato. Si è talmente abituato a non dare all'occhio ed a passare inosservato che non avrebbe pensato di essere ascoltato in un pomeriggio caldo e afoso di un pomeriggio d'estate».

Il peso delle tue parole”, è il titolo della poesia; un componimento che attinge ad un arcobaleno di pensieri tra “vittorie e debolezze”. Versi lirici che innalzano al cielo e si espandono come l'amore e l'affetto che una mamma nutre per la propria figlia. Emblematico il ricorso alle "lacrime invisibili/ fatte di cristalli di sale" che cercano di illuminare “il cammino dei suoi figli”. 

Giuseppe Nativo

 

Il peso delle tue parole

 

Non te ne andare,

non andare via.

Ascoltalo il peso delle tue parole,

Volano via leggere

ma pesano come un macigno su di me,

accarezzano il vento e volano alte,

più di esso.

Quando dici che non vuoi più stare qui,

sono spade per me,

trafiggono la speranza di vederti diventare donna,

di viverti ogni giorno,

di sentire il tuo odore,

di starti accanto e sostenere le tue vittorie e debolezze.

Vorrei dirti questo

tutte le volte che ti dico vai,

Tutte le volte che ti insegno ad essere libera,

tutte le volte che ti insegno a volare.

Ma, il cuore di una madre,

piange lacrime invisibili

fatte di cristalli di sale

che brillano per illuminare il cammino dei suoi figli. 

 

Margaret Carpenzano

 Poesia


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry