fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Rubrica: Scuola
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Non tutti possiamo fare grandi cose, ma possiamo fare piccole cose con grande amore (Madre Teresa di Calcutta)

 

Ragusa, 21 dicembre 2020 — Spesso non serve fare "grandi cose", specialmente in tempi di crisi o di pandemia, non serve strafare. Molto spesso, come diceva Madre Teresa, basta fare piccole cose con amore. 

Avendo chiaro questo concetto le insegnanti del Plesso “Peter Pan” dell’Istituto Comprensivo “Berlinguer” di Ragusa hanno avviato un percorso «alla scoperta delle emozioni proprie e altrui», con l'intendo di valorizzare l’Empatia nei confronti del prossimo.

Con questi principi la scuola diretta dalla prof. Carmela Sgarioto ha aderito all’iniziativa “Le scatole di Natale” proposta dal CISOM (Corpo Italiano Di Soccorso Ordine Di Malta).

Si tratta di un’idea nata a Milano a cura di Marion Pizzato e accolta anche dal gruppo Ragusa del CISOM che ha aderito all’iniziativa e ha organizzato l'evento e realizzato in poco tempo la raccolta, coinvolgendo vari partner tra cui parrocchie, associazioni, esercizi commerciali, scuole e cittadini. Questa esperienza ha permesso ai bambini di compiere concrete azioni solidali nei confronti della comunità, collaborando con le Istituzioni e le associazioni.

È un Service-learning che ha favorito la creazione di un circolo virtuoso tra apprendimento (learning) e servizio solidale (service).

Scatole di Natale” è un’idea semplice che ha permesso di fare del bene in maniera gioiosa. «Attraverso il dono si è tentato di far sentire il calore della relazione alle persone sole e meno fortunate, specialmente in un anno come questo, particolarmente sofferto da molti. Valorizzando la collaborazione con la famiglia, principale Agenzia Educativa, ogni bambino del Plesso ha inizialmente preparato e incartato la scatola a casa e successivamente, dopo averla consegnata alla scuola, l’ha corredata e personalizzata con biglietti di auguri realizzati in sezione», hanno dichiarato le insegnanti.

«La scuola – aggiunge la dirigente Sgarioto – si è aperta al territorio coinvolgendo la Parrocchia San Giuseppe Artigiano di Ragusa e  il suo parroco, don Giovanni Filesi».

Hanno collaborato il responsabile dell’Associazione Onlus “San Vincenzo” di Ragusa, con altri membri e alcuni membri del CISOM.

Il contributo dei partecipanti (Scuola, Famiglia e Territorio) ha permesso di offrire un bel regalo: un momento di gioia e speranza a circa cento famiglie ragusane. In questi tempi di crisi non è poco, e l'Istituto Berlinguer mette a segno un'altro "trofeo di solidarietà" e ci sentiamo di ringraziare chi ha permesso tutto questo.

Salvo Micciché

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry