fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Scarica questo file (MANIFESTO APERTURA PORTA.pdf)

#Ragusa, 11 dicembre 2015 – “La misericordia sarà sempre più grande di ogni peccato, e nessuno può porre un limite all’amore di Dio che perdona”. (Misericordiae Vultus n. 3).

Sabato 12 dicembre dalle ore 16,00 in Piazza Cappuccini inizia la celebrazione per l’apertura della Porta della Misericordia, nella Cattedrale di San Giovanni Battista di Ragusa.

Di seguito l’invito di S.E. Mons. Carmelo Cuttitta:

“Carissimi fratelli e sorelle,

Papa Francesco ha stabilito che, oltre alle porte che si aprono nelle basiliche romane, in ogni Chiesa particolare, nella Cattedrale, che è la Chiesa Madre di tutti i fedeli, si apra per tutto l’Anno Santo una uguale Porta della Misericordia. In comunione con tutta la Chiesa sparsa nel mondo celebreremo con gioia ed esultanza il Giubileo Straordinario attingendo a piene mani alla Misericordia di Dio.

Anche nella nostra Chiesa Cattedrale apriremo la Porta della Misericordia, attraverso la quale passeremo per un intero anno, per ottenere grazia e misericordia dal Signore e per beneficiare tutti del perdono e del rinnovamento spirituale.

Invito tutti ad aprire il cuore al Signore che ci viene incontro con il suo amore misericordioso, per sollevarci dalla nostra povertà e miseria e donarci la grazia e pienezza di amore.”

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Allegati:
Manifesto Giubileo[ ]319 kB

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry