fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La scrittrice e poetessa Marinella Tumino vince il “premio alla carriera” per la sezione Cultura alla IX edizione di Rendi InVersi 

 

Ragusa, 16 settembre 2019 – Al Gran Galà Cultura Rendi InVersi, IX edizione 2019  per la sezione Cultura, il 21 settembre prossimo sarà conferito il Premio alla carriera alla scrittrice e poetessa Marinella Tumino.  Il premio è indetto e organizzato dall’Associazione Cultura GueCI, Città di Rende ed è inserito nella storica manifestazione “Settembre Rendese, 54esima edizione”. 

La giuria che le ha conferito il premio dopo attenta valutazione delle opere e del curriculum, è composta dal presidente Armando Pirolli, scrittore; dal presidente del Premio Anna Laura Cittadino, presidente dell’Associazione GueCi, scrittrice e poetessa, dai giurati Antonella Cittadino, scrittrice-poetessa, Stefania De Rossi, docente-blogger. 

Marinella Tumino in pochi anni si è distinta per le notevoli opere realizzate sia nella prosa che nella poesia. Tanti i premi e i riconoscimenti che costellano la sua carriera sia per la poesia che per la prosa.  Fra i più recenti ricordiamo il 1° premio al Concorso “Come le foglie” 2019 per la poesia “Paragrafemi dell’amore”. È docente di Italiano e Storia presso un istituto tecnico di Ragusa e tra i suoi scritti ricordiamo i saggi “Quel treno per la Polonia” (2011) e “L’Urlo del Danubio (2018), per cui ha vinto il concorso “Un libro per amico” 2019, la lettera di riconoscimento da parte di Papa Francesco, del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e della senatrice Liliana Segre.  Entrambi i libri sono frutto dello studio e della ricerca su temi relativi alla Shoah.  L’autrice ha ricevuto un attestato di merito da parte del Campo di concentramento di Ferramonti per l’impegno profuso. Dal 2016 i suoi libri “Frammenti d’anima” (2014) e “Trame d’inchiostro” (2015) sono archiviati presso l’Université Cencier Sorbonne Nouvelle Paris.   Tra i premi ricevuti in diversi concorsi nazionali ricordiamo anche quello per il racconto “A piccoli passi, lettera a mio figlio” tratto da Trame d’inchiostro, finalista al concorso Efesto di Catania. Il suo ultimo romanzo, “Oltre il cielo di Istambul” è datato marzo 2019 e sta riscuotendo parecchia attenzione da parte dei lettori.

  

Giovannella Galliano


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry