fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Letteratura

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Modica, 3 dicembre 2019 – Alla Casa Natale Quasimodo di Modica (Via Porterla 84), è prevista attività con musica, poesia e altro ricordando il 60° anniversario del Premio Nobel a Salvatore Quasimodo.

 

Programma

• Sabato 07 dicembre dalle 17, presso Il museo - "Musica e Poesia", spazio curato da Gesuele Sciacca e Daniela Greco;

ore 18.30 presentazione delle nuove opere della mostra "Quasimodo quasi sognato" e del calendario 2020 del maestro Lorenzo Maria Bottari

 

• Domenica 8 dicembre ore 17.00 - presso ìl museo - "Musica e Poesia" spazio curato da Gesuele Sciacca e Daniela Greco

 

• Martedì 10 dicembre ore 10.30 - presso museo - giornata commemorativa, "Ricordando il 60° anniversario del Nobel" con la partecipazione del Sindaco Ignazio Abbate, l'Assessore alla Cultura Maria Monisterl: deposizione della corona di alloro.

Conferenza a cura dello storico Daniele Pavone. Per l'occasione saranno presentati dei volumi donati dal figlio del Nobel Alessandro, che andranno ad arricchire il patrimonio letterario custodito all'interno del museo.

All'evento sarà presente una rappresentanza dell'Istituto “G. Verga" di Modica.

In conclusione, sarà distribuito un dolce omaggio a tutti i partecipanti.

 

Nei giorni 7 ed 8 dicembre il Museo effettuerà orario continuato 10,00/20,00

 

L’organizzazione formula un ringraziamento speciale ad Alessandro Quasimodo.

 

Modica Locandina


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry