fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Gialli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il 26 settembre al via la XV stagione letteraria al Caffè Quasimodo. Incontro con Alessandro Centonze

 

Modica, 17 settembre 2020 — Prenderà il via il prossimo 26 settembre a Modica, nel rispetto delle norme anti covid 19 (mascherina e distanziamento), la XV stagione dei "sabati letterari" del Caffè Quasimodo, distribuiti da settembre a maggio 2021.

Il primo appuntamento, che vedrà il saluto del sindaco di Modica, Ignazio Abbate, sarà dedicato alla presentazione del libro dello scrittore e saggista Alessandro Centonze, magistrato, dal titolo Il “giallo nordico” e i suoi dintorni. Si terrà, alle ore 18.00,  nell’Atrio comunale di Modica e sarà coordinato dall’avvocato Eleonora Maltese. In caso di condizioni metereologiche negative, l’incontro si svolgerà al Palazzo della Cultura.

Ad introdurre la serata sarà il Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, Domenico Pisana, mentre ad illustrare l’opera saranno Giancarlo Poidomani, docente di storia contemporanea all'Università di Catania, e il critico letterario e scrittore catanese Mario Grasso, Direttore editoriale della casa editrice Prova d'Autore, che ha pubblicato il saggio.

“Si tratta di un’opera critica interessante - afferma Domenico Pisana - ove gli autori scandinavi analizzati da Centonze utilizzano i loro gialli per evidenziare le crepe sociali della società, come nel caso dei libri di Mankell “Assassino senza volto” e “La leonessa bianca”; a differenza del noir e dei romanzi polizieschi italiani, “il giallo nordico si caratterizza - come afferma  lo stesso Centonze nel suo libro - , per la sua ambientazione geografica scandinava - generalmente svedese - , più raramente norvegese e danese , - e per la bellezza degli scenari, urbani e naturalistici, dei suoi racconti affascinanti ed esotici. Dallo studio critico di Alessandro Centonze emerge che i crimini nascono da contesti di degrado sociale e urbano, con gli assassini che diventano tali perché esclusi dai confini sociali; non solo ma viene offerto uno spaccato di diseguaglianze sociali con messaggi esistenziali molto coinvolgenti sul piano umano e letterario”.

La serata sarà arricchita da intermezzi musicali del “Duo Estrella”, composto dal Maestro Lino Gatto alla chitarra e Ilde Poidomani (canto).

Alessandro Centonze, magistrato, dal 2014 presta servizio, con funzioni di consigliere, presso la Prima Sezione penale della Corte Suprema di Cassazione. Dal 2005 al 2013 è stato professore a contratto presso l’Università degli Studi di Catania, dove ha insegnato diritto processuale penale e diritto penale transnazionale. È autore di numerose pubblicazioni, tra cui le monografie Il sistema di condizionamento mafioso degli appalti pubblici (2005), Criminalità organizzata e reati transnazionali (2008) e Contiguità mafiose e contiguità criminali (2013).

Salvo Micciché

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry