fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Storia
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Modica, 21 dicembre 2020 — Domenica scorsa è scomparso, nella sua residenza modicana, Giuseppe Chiaula. Nato nel 1926, conseguì la maturità classica al “Campailla” di Modica nel 1944 e poi la aurea in giurisprudenza a Palermo nel 1949.

Nella magistratura della Corte dei Conti sin dal 1° agosto 1960. Presiedette da settembre 1995, e sino al collocamento in quiescenza (giugno 1998), la Sezione di controllo e le SS.RR. della Corte dei Conti di Palermo. +Ha espletato molti incarichi esterni nel corso del servizio. Dal febbraio 1998 al giugno 2001 fu componente della Commissione Tributaria Centrale. Ha il titolo onorifico ufficiale di “Presidente della Corte dei Conti” e risiedeva a Roma.

Ha dato alle stampe numerosi studi specialistici attinenti alla sua fondamentale professione. Inoltre, ha pubblicato alcune ricerche storiche riguardanti la sua amata Modica, tra cui:

Mistero dei nove, saggio su una vicenda accaduta a Modica nel 1860 (nel corso dell’impresa garibaldina), Setim, Modica, 1999,

Addizioni al Mistero dei Nove, saggio integrativo e rettificativo del precedente, Setim, 2001,

Il Regime comitale di Modica, nel rapporto con la Corona, Ed. La Biblioteca di Babele, Modica, 2006,

Il Feudo modicano e il Regno di Sicilia, saggio che ripropone e riconsidera varie questioni di diritto, già trattate nel precedente, Arti Grafiche Monolithus, Modica, aprile 2011.

I funerali saranno celebrati martedì 22 dicembre alle ore 15.00, presso il duomo di San Giorgio di Modica.  

Giuseppe Nativo

Modica


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry