fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Mostre
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Maestre e maestri dell’Italia unita: memorie, tracce e testimonianze d’archivio. Fino al 21 maggio 2021

 

Ragusa, 10 maggio 2021 — Una interessante documentazione viene presentata dall’Archivio di Stato di Ragusa (e Sezione di Modica), diretto da Vincenzo Cassì: «Tutti a scuola. Maestre e maestri dell’Italia unita: memorie, tracce e testimonianze d’archivio», pedagogie dell'essenziale. 

«Il contributo – dichiara Cassì — è incentrato sulle possibilità offerte dal patrimonio archivistico per tutta una serie di percorsi di ricerca legati ai temi della scuola e dell’istruzione, con particolare riferimento all’importante ruolo degli insegnanti.

Vengono presentate inedite testimonianze archivistiche riguardanti i concorsi e le procedure di selezione dei docenti, gli esami e la formazione, le memorie e le speranze, i metodi di insegnamento, il valore della scuola pubblica e l’attenzione verso le minoranze».

La gran parte dei documenti raccolti, riconducibili agli anni immediatamente successivi all’Unità d’Italia, a quelli del Ventennio e al secondo Dopoguerra, confermano ancora una volta l’importanza delle politiche d’istruzione e la centralità della figura del docente, specie negli anni più difficili e delicati del paese, consentendo anche una riflessione su tematiche che appaiono oggi strettamente attuali.

Un evento da seguire con interesse, fino al 21 maggio 2021.

 

Salvo Micciché

Ragusa Locandina  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry