fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 2 marzo 2015 – Oggi alle ore 10 presso l’Aula Seminari del III Istituto Comprensivo “Santa Lucia”, ha avuto luogo la presentazione del progetto sperimentale “In Vitro”, che ha visto coinvolti sei territori (Biella, Ravenna, Nuoro, Lecce, Siracusa e la Regione Umbria) il cui obiettivo è quello di far diventare la lettura un’abitudine sociale diffusa e riconosciuta. 

Leggere ad alta voce ai bimbi affina le loro competenze fonologiche, ne stimola l’accrescimento del vocabolario e crea un legame emotivo molto forte tra piccoli e adulti. Il progetto “Arrivano le Bibliotechine” organizzato grazie all’instancabile opera della dottoressa Luciana Pannuzzo, responsabile della Biblioteca Santa Lucia, si è riproposto di promuovere la lettura ad alta voce a bambini della scuola d’infanzia, con l’intento  di far acquisire loro il piacere della lettura e stimolare la conoscenza del libro. 

L’evento ha avuto inizio con l’intervento della Preside Valentina Grande, del Referente Territoriale per l’iniziativa dottor Giovanni Vallone e del vice presidente del Consiglio di Quartiere Santa Lucia Francesco Candelari, forse oggi più immedesimato che mai nelle vesti a lui congeniali dello scrittore di romanzi di fantascienza.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry