fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Noto, 18 aprile 2015 – Incontro formativo lo scorso giovedì per gli alunni delle terze medie dell’Istituto Aurispa di Noto: due i relatori, oltre alla tenente Falcone era presente anche il brigadiere Salvatore Fusca, che ha introdotto l’argomento.

L’educazione alla legalità - ha detto -ha per oggetto la natura e la funzione delle regole nella vita sociale, i valori della democrazia e l’esercizio dei diritti di cittadinanza. Comportarsi in maniera legale, vuol dire elaborare e diffondere la cultura dei valori civili. Aspetto ancora più importante quando si parla ai giovani, e agli studenti, tra cui va diffusa in maniera decisa una nozione profonda sui diritti e sui doveri”.

Poi è stata la vota dell’intervento della tenente Falcone. “La legalità non è solo un insieme di regole, ma anche e soprattutto la cultura del rispetto”, alle parole della tenente sono seguiti una serie di immagini proiettate con le attività svolte dalla Guardia di finanza, e una elencazione dei tipi di truffa e di reati patrimoniali che ogni giorno vengono pervertita a danno della collettività.

Al termine dell’incontro formativo è seguita una breve e interessante esibizione delle unità cinofile, coordinate dal vice brigadiere Rametta e dall’appuntato Aglieco; protagonista il cane Aquila, che tra una decina di docenti, volontarie comparse, ha immediatamente intercettato colui che deteneva una modesta quantità di droga, appositamente nascosta.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry