fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 3 novembre 2016 – Una equipe italiana, diretta dall'archeologo ibleo Giovanni Distefano, e della quale fa parte anche l'Architetto Domenico Buzzone della Soprintendenza di Ragusa, ritornerà nei prossimi giorni a Malta per continuare gli scavi archeologici nelle misteriose "torri rotonde" di Malta.
Gli scavi della Missione Italiana dell'Università della Calabria diretta da Distefano e in collaborazione degli archeologi maltesi (del Soprintendente Tony Pace e del Dott. Nathaniel Cutajar) si svolgeranno per il quarto anno consecutivo a Ta' Wilga, in una delle più sontuose e misteriose torri di forma circolare, costruite in tecnica megalitica, forse in età bizantina.
"Stiamo studiando vari aspetti di queste torri, quella di TA' Wilga - dice l'archeologo Distefano - per conoscere meglio assieme ai colleghi maltesi questi eccezionali monumenti del Mediterraneo antico - Quest'anno gli scavi si svolgeranno all'interno di questi straordinari monumenti".


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry