fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Salvo Micciché, Giuseppe Nativo
Editore: Carocci Editore
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 25 novembre 2019 – Il libro “La Sicilia dei Micciché” (di Salvo Micciché e Giuseppe Nativo, Carocci Editore, Roma, 2019) sarà presentato in anteprima con un dialogo con i lettori condotto da Cecilia Tumino il 12 dicembre 2019 alle ore 18, con la partecipazione degli autori e della scrittrice Maria Carmela Micciché.

La Prefazione del libro è dello storico Carlo Ruta, la Posfazione del giornalista Leonardo Lodato (La Sicilia); il volume contiene un saggio del prof. Paolo Nifosì (storico dell’arte).

È una rilettura di frammenti di storia della Sicilia dal Medioevo all’Ottocento che ruota attorno a “Micciché”, nome di una importante famiglia e nome di alcuni toponimi (il feudo di Micciché, contrade, un borgo…), e alle famiglia nobili imparentate con alcuni esponenti dei Micciché.

Il volume sarà in tutte le librarie (fisiche e online) a partire da giovedì 28 novembre 2019

 

SINOSSI: 

«Il volume riporta frammenti di storia di una Sicilia che non è stata e mai sarà periferia, narrata attraverso avvenimenti poco conosciuti ma determinanti, con dettagli curiosi dedotti dalle fonti a proposito di Micciché, nome di un’importante famiglia e di uno storico luogo, Miḥikan, il feudo di Micciché. Dopo una premessa etimologica sull'origine probabile del nome, da Villalba a Scicli, da Palermo a Siracusa, da Caltanissetta e Messina a Naro, si narrano storie e microstorie di nobili e baroni ma anche di briganti e gente comune, vicende di famiglie aristocratiche imparentate e luoghi eponimi, dal Medioevo all'Ottocento. Non si tratta di una genealogia né di una celebrazione araldica, ma di uno spaccato culturale e storico da cui partire per capire davvero la Sicilia, la sua gente e le sue dinamiche storico-sociali.»

 

Link scheda libro: http://www.carocci.it/index.php?option=com_carocci&task=schedalibro&Itemid=72&isbn=9788843096121 

 

Gli autori: Salvo Micciché (saggista: Carocci Editore, Biancavela, Il Giornale di Scicli, Ondaiblea, Dialogo…), Giuseppe Nativo (pubblicista e scrittore: La Sicilia, Ondaiblea, Trasmigrazioni…)

Libri Locandina


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry