fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Giovanni Distefano
Editore: Sicilia Punto L
Titolo: Potere e consenso. Dai Severi a Costantino - Monumenti,iconografie e ritratti
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Firenze, 12 febbraio 2020 – Il prossimo 23 febbraio sarà  presentato a Firenze, Al Palazzo dei Congressi, nell'ambito della manifestazione TOURISMA,organizzata da Archeologia Viva, il volume dell'archeologo Giovanni Di Stefano dal titolo "Potere e consenso. Dai Severi a Costantino - Monumenti,iconografie e ritratti".  

Il Professor Maurizio Paoletti, docente dell'Università  di Pisa, discuterà con l' Autore del contenuto del volume dedicato alla ricerca del consenso, da parte degli imperatori Settimio Severo e Costantino il Grande, attraverso l'uso delle immagini negli archi trionfali.
I monumenti, le immagini, le iconografie, i ritratti di Settimio Severo, della moglie, Giulia Domna, degli Imperatori militari e di Costantino, sono analizzati nel volume di Di Stefano in sei saggi e in una appendice dedicata alla città  romana di Lepts Magna.
Il volume, 90 pagine, con circa 43 illustrazioni, è  edito dall'editore ragusano  "Sicilia Punto L".  I sei saggi contenuti nel volume illustrano le vite di potere di Settimio Severo e Giulia Domna, i ritratti imperiali  e l' ambizione  di Costantino.
Il prof.  Maurizio Paoletti e Giovanni Di Stefano  nella sala numero 4 del Palazzo dei Congressi di Firenze  alle 12.30,saranno introdotti  dal giornalista Piero Pruneti, direttore di Archeologia Viva.

Salvo Micciché

Libri  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry