fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 12 febbraio 2020 – Venerdì 21 febbraio 2020, alle ore 18.00, presso il Centro Studi Feliciano Rossitto (Via Ettore Majorana 5, Ragusa) si terrà la Tavola rotonda sul libro di Giuseppe Bascietto “Stidda. L'altra mafia raccontata dal capoclan Claudio Carbonaro” (Compagnia Editoriale Aliberti, 2019). 

«È la storia vera di alcuni minorenni che, all'età in cui si è normalmente ancora bambini, vengono addestrati per uccidere senza pietà vecchi capimafia di Cosa Nostra. Una storia vera di riti, di giuramenti, di santini bruciati tra le mani e di vite adolescenti spezzate. La nuova mafia, la Stidda, la Stella che sfida Cosa Nostra, e riesce, per molti anni, a metterla in crisi e a fare quello che lo Stato non riesce a fare: sconfiggerla. Una vera mattanza, che insanguinò per molti anni le strade della Sicilia. Adesso sono diventati adulti e dominano molti settori del commercio, anche al nord. La Stidda, l'altra mafia che pochi conoscono». 

All’iniziativa partecipano Giuseppe Bascietto (giornalista e autore del libro), Michele Duchi (ex magistrato), Salvatore Vella (Procuratore aggiunto Procura della Repubblica di Agrigento), Santo Fornasier (Sostituto procuratore Procura della Repubblica di Ragusa), Corrado Empoli (Dirigente Commissariato P.S. Modica), Simone Lo Presti (Referente Presidio “Libera” contro le Mafie - Ragusa).

L’evento culturale è reso possibile grazie alla sinergica collaborazione del Centro Studi “Feliciano Rossitto” con Libreria Flaccavento-Ragusa, “Libera” Associazioni, Nomi e Numeri Contro le Mafie-Ragusa. 

Giuseppe Nativo

 Ragusa


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry