fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 21 novembre 2016 – Riprendono le “Conversazioni a Scicli” del “Brancati”: Martedì 22 Novembre alle 18 presso la nuova sede del Movimento (v. Aleardi) Luca Scivoletto e Giuseppe Pitrolo converseranno con Tullia Giardina sul libro “Schermi multipli e plurime visioni. La grande Madre. L'Italia” (Marsilio).

Frutto di un'attenta ricerca di storia culturale, condotta su fonti d'archivio in parte inedite, il volume (realizzato grazie anche al contributo della Fondazione Cesare e Doris Zipelli) analizza l'importante ruolo svolto dal cinema e dalla televisione nel costruire e diffondere - attraverso film e sceneggiati di argomento storico, nel più ampio processo di Nation-building e State-formation otto-novecentesco - varie interpretazioni dei concetti di Madre-Patria e di identità nazionale.

Filtrando la storia risorgimentale attraverso le suggestioni di alcuni dei maggiori romanzieri e poeti del canone letterario italiano ma anche tedesco (Schiller), si individuano alcuni sistemi simbolici e allegorici originali, funzionali sia all'elaborazione di una "estetica della politica" finalizzata alla nazionalizzazione delle masse nell'ottica crispina della "rivoluzione cinta dal diadema", sia alla decostruzione critica del percorso storico da cui era scaturita l'unificazione nazionale.

 

Giuseppe Pitrolo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry