fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il giornale di Scicli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La pittura di Mavie Cartia, l’Onomastica di Scicli di Salvo Micciché, il saggio sui beni culturali dell’ex Assessore Regionale Maria Rita Sgarlata: a Scicli per le “Sere di Maggio”

 

Scicli, 12 maggio 2017 – Fine settimana con altri eventi per “Le Sere di maggio 2017 al torrente Aleardi”:

Venerdì 12 maggio ore 19 al Mavie Spazio Arte  inaugurazione  della Mostra Personale di Mavie Cartia, dal titolo “L’Io”. Testo critico di Gianni Longo. Resterà aperta fino al 4 giugno.

Sabato 13 maggio ore 19 al Caffè letterario Brancati l’attesa serata per presentare il volume “Scicli: onomastica e toponomastica, con appendice araldica” di Salvo Micciché. Ed. Biancavela - Il Giornale di Scicli. Conversazione con Steafania Fornaro, Giuseppe Nativo, Giuseppe Pitrolo e l’autore.

Domenica 14 maggio ore 19 a Palazzo Spadaro Maria Rita Sgarlata (già assessore regionale ai Beni culturali) dialogherà con Pietro Di Rosa e Giuseppe Pitrolo sul saggio “L’eradicazione degli artropodi. La politica dei Beni culturali in Sicilia”. Incontro a cura del Comune di Scicli, “Movimento Brancati”, Club Unesco Scicli.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

 

***

Presso il “Brancati” si possono ancora ammirare i quadri degli artisti piemontesi Alberto Bongini, Roberto Borra, Carmelo Iorietti e Alessandro Merlo.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry