fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 20 agosto 2015. I carabinieri di  Ragusa hanno arrestato quattro persone per furto aggravato in concorso nelle campagne di contrada Stanislao, a sud del castello di Donnafugata, lungo la S.P. 21.

La stagione della raccolta di mandorle e carrube è entrata nel vivo e come ogni anno anche i relativi furti sono iniziati. Già ieri i carabinieri a Modica avevano arrestato due persone mentre fuggivano da un campo con sacchi di mandorle e carrube. Purtroppo la vastità delle campagne iblee rende quasi impossibile cogliere i ladri in flagranza se non grazie alle segnalazioni di agricoltori, le stesse vittime o i loro vicini, che tempestivamente chiamano il numero unico europeo 112.

Quest’anno, invero, i furti di prodotti agricoli appaiono essere di meno dello scorso anno e a Giarratana, per esempio, non è stato segnalato nemmeno un furto di cipolle, che gli anni scorsi invece erano molto apprezzate dai ladri.

Ieri mattina verso le 10 una prima chiamata al 112. Il proprietario del terreno, che per la verità aveva affittato lo stesso ad altra persona, ha notato della gente sconosciuta a lavorare sui carrubi. Capito subito di che si trattasse ha telefonato alla centrale operativa dei carabinieri e una pattuglia è accorsa sul posto non trovando però nessuno. Gli abusivi evidentemente avevano mangiato la foglia e si erano allontanati. Ma i due carabinieri, spinti dall’esperienza, si sono mantenuti nei paraggi, tra Santa Croce e Donnafugata. E come avevano previsto, dopo solo una mezz’oretta la seconda telefonata al 112. Gli sconosciuti erano ritornati, evidentemente a finire il lavoro.

I militari hanno trovato quattro persone intente a trasbordare dei pesanti sacchi al di là di un muretto a secco verso un’Alfa 159. I quattro, alla vista dei carabinieri hanno tentato di dileguarsi (non avrebbero certo fatto molta strada senza l’auto, peraltro intestata a uno di essi…) ma i due militari hanno scavalcato il muretto e li hanno bloccati. Erano quattro (di cui tre rumeni), tutti residenti a Vittoria, sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Dopo i rilievi foto-dattiloscopici, d’intesa con il pubblico ministero, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

Pur assorbiti dal quotidiano, pressante, impegno sul litorale, i carabinieri non omettono di controllare anche la città e le campagne per garantire sicurezza non solo a chi si gode l’estate in riva al mare ma anche a chi d’estate deve lavorare o comunque deve rimanere in città.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Ragusa, 20 agosto 2015. I carabinieri di  Ragusa hanno arrestato quattro persone per furto aggravato in concorso nelle campagne di contrada Stanislao, a sud del castello di Donnafugata, lungo la S.P. 21.

La stagione della raccolta di mandorle e carrube è entrata nel vivo e come ogni anno anche i relativi furti sono iniziati. Già ieri i carabinieri a Modica avevano arrestato due persone mentre fuggivano da un campo con sacchi di mandorle e carrube. Purtroppo la vastità delle campagne iblee rende quasi impossibile cogliere i ladri in flagranza se non grazie alle segnalazioni di agricoltori, le stesse vittime o i loro vicini, che tempestivamente chiamano il numero unico europeo 112.

Quest’anno, invero, i furti di prodotti agricoli appaiono essere di meno dello scorso anno e a Giarratana, per esempio, non è stato segnalato nemmeno un furto di cipolle, che gli anni scorsi invece erano molto apprezzate dai ladri.

Ieri mattina verso le 10 una prima chiamata al 112. Il proprietario del terreno, che per la verità aveva affittato lo stesso ad altra persona, ha notato della gente sconosciuta a lavorare sui carrubi. Capito subito di che si trattasse ha telefonato alla centrale operativa dei carabinieri e una pattuglia è accorsa sul posto non trovando però nessuno. Gli abusivi evidentemente avevano mangiato la foglia e si erano allontanati. Ma i due carabinieri, spinti dall’esperienza, si sono mantenuti nei paraggi, tra Santa Croce e Donnafugata. E come avevano previsto, dopo solo una mezz’oretta la seconda telefonata al 112. Gli sconosciuti erano ritornati, evidentemente a finire il lavoro.

I militari hanno trovato quattro persone intente a trasbordare dei pesanti sacchi al di là di un muretto a secco verso un’Alfa 159. I quattro, alla vista dei carabinieri hanno tentato di dileguarsi (non avrebbero certo fatto molta strada senza l’auto, peraltro intestata a uno di essi…) ma i due militari hanno scavalcato il muretto e li hanno bloccati. Erano quattro (di cui tre rumeni), tutti residenti a Vittoria, sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Dopo i rilievi foto-dattiloscopici, d’intesa con il pubblico ministero, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

Pur assorbiti dal quotidiano, pressante, impegno sul litorale, i carabinieri non omettono di controllare anche la città e le campagne per garantire sicurezza non solo a chi si gode l’estate in riva al mare ma anche a chi d’estate deve lavorare o comunque deve rimanere in città.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry