fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 19 settembre 2014 – Il Castello di Donnafugata ospita da diverse settimane dei corsi di formazione di restauratore Q2 e di operatore per la conservazione e valorizzazione dei beni Culturali che è stato promosso dall'En.A.I.P. di Ragusa e finanziato dalla Regione.

I corsi, che si concluderanno il 23 settembre prossimo, coinvolgono 22 partecipanti che guidati dalla restauratrice Anita Causapruno e dall’architetto Giovanni Canzonieri hanno curato una fase preliminare di studio, basata sull’analisi e schedatura dello stato di salute e degli interventi di pulitura dei manufatti riposti in stanze deposito del Castello e non esposti al pubblico. I corsisti hanno altresì provveduto alla pulizia e al recupero delle suppellettili al fine di renderle  nuovamente fruibili e ricollocabili nel contesto dell'antico maniero di proprietà comunale.

I manufatti artistici oggetto di recupero sono stati: un secretaire in noce della prima metà del’900, un candelabro in ghisa, dorato, dei primi decenni del’900, due poltrone in stile Luigi XVI,  otto poltrone in stile Luigi XVI, già collocate nella stanza d’ingresso cosiddetta “sala d’attesa” il biliardo, già collocato nella cosiddetta “sala delbiliardo”.                                                                                                                 

Un secondo intervento riguarda la schedatura di rilevamento, conservazione e documentazione fotografica degli elementi decorativi scultorei lapidei presenti sui prospetti e nel parco del Castello di Donnafugata, mediante compilazione di una scheda sperimentale, opportunamente redatta durante il projectwork del corso.

“L'iniziativa – dichiara l'Assessore ai beni culturali Stefania Campo - è stata molto apprezzata dai turisti che hanno condiviso l’idea di una scuola di restauro dentro il Castello. I corsisti, molto soddisfatti per l'opportunità loro offerta, hanno ringraziato l'Amministrazione  per l’ospitalità  e la possibilità di aver potuto studiare ed intervenire su oggetti di importante valore storico. I manufatti saranno, con il contributo dell’ufficio tecnico, ricollocati nel percorso di fruizione turistica per tornare ad essere ammirati”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Ragusa, 19 settembre 2014 – Il Castello di Donnafugata ospita da diverse settimane dei corsi di formazione di restauratore Q2 e di operatore per la conservazione e valorizzazione dei beni Culturali che è stato promosso dall'En.A.I.P. di Ragusa e finanziato dalla Regione.

I corsi, che si concluderanno il 23 settembre prossimo, coinvolgono 22 partecipanti che guidati dalla restauratrice Anita Causapruno e dall’architetto Giovanni Canzonieri hanno curato una fase preliminare di studio, basata sull’analisi e schedatura dello stato di salute e degli interventi di pulitura dei manufatti riposti in stanze deposito del Castello e non esposti al pubblico. I corsisti hanno altresì provveduto alla pulizia e al recupero delle suppellettili al fine di renderle  nuovamente fruibili e ricollocabili nel contesto dell'antico maniero di proprietà comunale.

I manufatti artistici oggetto di recupero sono stati: un secretaire in noce della prima metà del’900, un candelabro in ghisa, dorato, dei primi decenni del’900, due poltrone in stile Luigi XVI,  otto poltrone in stile Luigi XVI, già collocate nella stanza d’ingresso cosiddetta “sala d’attesa” il biliardo, già collocato nella cosiddetta “sala delbiliardo”.                                                                                                                 

Un secondo intervento riguarda la schedatura di rilevamento, conservazione e documentazione fotografica degli elementi decorativi scultorei lapidei presenti sui prospetti e nel parco del Castello di Donnafugata, mediante compilazione di una scheda sperimentale, opportunamente redatta durante il projectwork del corso.

“L'iniziativa – dichiara l'Assessore ai beni culturali Stefania Campo - è stata molto apprezzata dai turisti che hanno condiviso l’idea di una scuola di restauro dentro il Castello. I corsisti, molto soddisfatti per l'opportunità loro offerta, hanno ringraziato l'Amministrazione  per l’ospitalità  e la possibilità di aver potuto studiare ed intervenire su oggetti di importante valore storico. I manufatti saranno, con il contributo dell’ufficio tecnico, ricollocati nel percorso di fruizione turistica per tornare ad essere ammirati”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomasticaSalvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomasticaSalvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossarioSalvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua sicilianaMarco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri consigliati

Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry