fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 8 luglio 2016 –   Presentato stamani al Comune di Ragusa il nuovo e potenziato trasporto pubblico da Ragusa a Marina di Ragusa e per Donnafugata in collaborazione con la ditta Tumino. 

Presenti il sindaco Federico Piccitto, gli assessori Stefano Martorana, Disca e  Antonio Zanotto. 

Un potenziamento importante che parte oggi per il periodo estivo che copre le aspettative e le esigenze dell’utenza ragusana. Una linea della ditta Tumino, infatti,  coprirà il notturno con un ultima corsa da Marina di Ragusa alle 2,30. Anche per il Castello di Donnafugata grandi novità per il collegamento con Ragusa con più passaggi giornalieri che ricadono negli orari di apertura del Castello. Chi, inoltre,  presenterà il biglietto dell’autobus avrà diritto ad uno sconto sulle visite al vecchio maniero. 

“Abbiamo voluto colmare questo spazio - ha detto il sindaco Piccitto- perché riteniamo che sia una possibilità che in primis la ditta Tumino ha voluto cogliere e quindi noi non possiamo fare altro che prenderne atto positivamente. Sono sicuro che nonostante il grande investimento, per la ditta ci sarà un ritorno. È un importante segnale per questa stagione che entra nel vivo già da oggi con questo servizio che rappresenta una alternativa valida al proprio mezzo di trasporto”.  

Il dottor Tumino ha sottolineato la scelta  di modellarsi alla nuova richiesta di mobilità che viene dalla città. “Le esigenze dei cittadini- ha detto Tumino sono state da noi valutate ed accolte grazie anche alla sensibilità dimostrataci dall’Amministrazione Comunale sull’argomento. 

L’assessore Stefano Martorana, con la delega al turismo è stato subito uno dei promotori di questa iniziativa. Abbiamo fissato un periodo di prova e se la città risponde noi saremo lieti di implementare questo servizio.

 

G.G.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica   Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro
Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI)
Carocci Editore
Salvo Micciché
Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica)
Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib
Salvo Micciché
Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario
Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché
Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Edizioni Biancavela - StreetLib
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché
Dall'Alba ai Girasoli
Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri

Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'Oro Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion La Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La China
San Guglielmo Cuffitella -
un profilo agiografico 
Edizioni ilminutod'Oro
Ignazio La China 
Appunti per una Storia
della Pietà popolare a Scicli 
Editrice Sion
Ignazio La China 
La Sacra Rappresentazione delle Milizie
Edizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry