fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Canicattini Bagni, 2 ottobre 2014 – Sono riprese già dal mese di settembre, dopo la breve pausa estiva, le attività del Centro Diurno Disabili di Canicattini Bagni, gestito dalla Coop. Acquarius per conto del Comune che, da sempre, ne ha fatto un punto fermo degli interventi previsti nella programmazione del Piano di Zona della L. 328 sui servizi socio sanitarie del Distretto D 48, anche con la nuova programmazione AOD “Valle dell’Anapo” a cui hanno dato vita i sette Comuni dell’Unione “Valle degli Iblei”, con capofila Canicattini Bagni, recentemente approvata e finanziata dalla Regione. 

 

Nato nel 2008, nell’ambito dunque delle scelte programmatiche dell’Amministrazione presieduta dal sindaco Paolo Amenta, il Centro Diurno Disabili, che oggi si trova ospitato nei locali di Villa Alagona, ha come obiettivo, attraverso attività socio – ludico - ricreative, di favorire processi di integrazione sociale di persone diversamente abili, impegnandole, in particolare, in attività artistico - espressive, con laboratori di Pedagogia (lettura e scrittura), ed un laboratorio di Giardinaggio e di Cucina. 

 

Un lavoro partecipato e condiviso da parte degli operatori e dei docenti del Centro, coordinati dal dottor Pierangelo Trapani, curatore, tra l’altro, del laboratorio di Giardinaggio, che in quest’ultimo anno, già dal Natale 2013 con la rassegna di canti natalizi in dialetto, a Pasqua con “L'alfabeto della Croce”, la Via Crucis per diversamente abili, e nel periodo primaverile ed estivo con la piantumazione di piante ortive, ma anche ornamentali, per potenziare il contatto e il rapporto con la natura e l’ambiente, ha visto crescere notevolmente il bagaglio formativo dei giovani disabili ospitati.

 

Inoltre, non sono mancate, come negli anni scorsi, le visite e le uscite per meglio conoscere il territorio e le sue risorse, come quella al Museo del Papiro di Siracusa e, soprattutto, i momenti di confronto e di socializzazione, sia per gli utenti che per gli stessi operatori, con altri Gruppi e Centri della Sicilia, grazie anche alla partecipazione alla 2° edizione dei “Giochi senza Barriere” che si sono svolti al Lido Poseidon di Noto, dove il Centro Diurno Disabili di Canicattini Bagni si è classificato al 3° posto.

 

Ad oggi il Centro è impegnato, grazie anche al terreno messo a disposizione dall’Amministrazione comunale con l’assegnazione quale sede di Villa Alagona (struttura che condividono con l’Agesci), in attività di giardinaggio con la produzione di ortaggi, raccolta di olive per produzione di olio; e la preparazione di attività teatrali in vista del Natale 2014.

 

«I diversamente abili, così come gli anziani – ha sottolineato l’assessore al Welfare, Marilena Miceli - ed in generale le fasce del bisogno, da sempre sono stati per l’Amministrazione del sindaco Amenta, una priorità nelle scelte dell’attività amministrativa. Lo dimostra il fatto che, anche in presenza dei forti tagli ai trasferimenti finanziari di Stato e Regione ai Comuni, e la riduzione di un terzo dei finanziamenti della L. 328 da parte della Regione, non abbiamo mai interrotto alcun servizio, reperendone le coperture nel già debilitato bilancio che ogni Ente purtroppo oggi si ritrova. Anche nella nuova programmazione triennale dell’AOD “Valle dell’Anapo”, abbiamo inserito i servizi ADH, assistenza domiciliare handicap e, naturalmente, il Centro Diurno Disabili, che sta svolgendo un lavoro egregio con i ragazzi diversamente abili che gli sono stati affidati, con le loro famiglie, anche in termini di rapporto con le associazioni, il volontariato, i medici di famiglia ed il tessuto sociale cittadino. Mentre con i fondi del bilancio, come ha avuto modo già di dire nei giorni scorsi anche il sindaco Amenta, garantiremo i servizi di assistenza domiciliare agli anziani, l’Asacom, l’educativa domiciliare per i bambini bisognosi, e il  sostegno alle famiglie bisognose».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica   Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro
Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI)
Carocci Editore
Salvo Micciché
Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica)
Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib
Salvo Micciché
Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario
Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché
Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Edizioni Biancavela - StreetLib
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché
Dall'Alba ai Girasoli
Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri

Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'Oro Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion La Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La China
San Guglielmo Cuffitella -
un profilo agiografico 
Edizioni ilminutod'Oro
Ignazio La China 
Appunti per una Storia
della Pietà popolare a Scicli 
Editrice Sion
Ignazio La China 
La Sacra Rappresentazione delle Milizie
Edizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry