fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Canicattini Bagni, 20 novembre 2015 – Tre giorni, il 20 – 21 – 22 Novembre, che in tutta Italia, su iniziativa di Legambiente, ormai da anni si dedicano alla “Festa dell’Albero”, per proteggere l’ambiente. Quest’anno l’edizione  2015 è dedicata ai mutamenti climatici che stanno sconvolgendo l’ambiente in ogni parte del mondo, Sicilia compresa, dove hanno letteralmente sconvolto la tipicità del clima. 

 

Dei mutamenti climatici e della cura per l’ambiente, tra l’altro, si è occupato recentemente anche Papa Francesco con la sua enciclica “Laudato sì” , mentre a Dicembre il vertice delle Nazioni Unite dovrà definire il nuovo accordo internazionale sulle emissioni e quindi sul clima.

Gli alberi rappresentano una risorsa naturale contro il riscaldamento globale, per cui proteggerli e curali significa proteggere e curare il nostro futuro.

Di questo sono convinti i bambini della Scuola Elementare dell’Istituto Comprensivo “G. Verga” di Canicattini Bagni, in particolare gli alunni della 1° A del plesso “Mazzini”, che insieme al loro insegnante Paolo Matarazzo, quest’anno continueranno a celebrare, con la collaborazione dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione guidato da Marilena Miceli,  e all’Assessorato al Verde Pubblico guidato da Seby Cascone, la “Festa dell’Albero”, proprio per l’alta valenza educativa dell’iniziativa che punta a salvaguardare e valorizzare l’ambiente.

 

Lo faranno Sabato 21 Novembre alle ore 10:00, alla presenza degli altri alunni della scuola, dei docenti, dei genitori, e degli amministratori della città, negli spazi verdi della Villa Comunale  con la messa a dimora di piante ornamentali, in particolare Lantane, e di un alberello, di cui si occuperanno anche in futuro, proprio come segno di partecipazione attiva e responsabile per l’incremento del patrimonio arboreo e la salvaguardia dell’ambiente.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica   Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro
Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI)
Carocci Editore
Salvo Micciché
Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica)
Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib
Salvo Micciché
Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario
Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché
Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Edizioni Biancavela - StreetLib
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché
Dall'Alba ai Girasoli
Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri

Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'Oro Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion La Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La China
San Guglielmo Cuffitella -
un profilo agiografico 
Edizioni ilminutod'Oro
Ignazio La China 
Appunti per una Storia
della Pietà popolare a Scicli 
Editrice Sion
Ignazio La China 
La Sacra Rappresentazione delle Milizie
Edizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry