fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 “Piante e parole che guariscono” e “Santi erboristi e piante magiche”. Le pubblicazioni sulla medicina popolare e la documentazione sull’emigrazione raccolte dal Museo Civico tempo di Canicattini Bagni presenti ed esposte nel Museo Eoliano dell’Emigrazione di Salina

 

 

Canicattini Bagni (Siracusa), 10 settembre 2014 – Si rafforza la struttura e la collaborazione all’interno della “Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione”, grazie all’impegno costante delle Amministrazioni pubbliche che li sostengono, come nel caso del Comune di Canicattini Bagni per quanto riguarda il Museo Civico TEMPO (Museo del Tessuto, dell’Emigrazione e della medicina Popolare), diretto dall’etnologo e guida naturalistica Paolino Uccello, del Comune di Santa Marina Salina, in provincia di Messina, e dell’Università di Palermo, per quanto riguarda il Museo Eoliano dell’Emigrazione, diretto dal professore Marcello Saija, direttore della Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione, nonché docente in Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali.

Lo scorso 6 e 7 settembre a Palazzo Marchetti Malfa a Salina, si è svolta la 3° Edizione del “Premio Eoliani nel Mondo”, alla quale hanno preso parte il direttore e gli operatori museali del Museo di Canicattini Bagni, con la presentazione delle pubblicazioni sulla Medicina Popolare, “Piante e parole che guariscono” e “Santi erboristi e Piante magiche”, curate dal Museo Civico TEMPO, e la pubblicazione di parte della ricca Documentazione sull’emigrazione delle popolazioni iblee e siracusane, raccolta nel corso di anni di ricerca dal Museo canicattinese.

Quella che è nata a Salina tra le due strutture museali è stata così una stretta collaborazione che ha già messo le basi per una nuova programmazione di eventi culturali per l’anno in corso e per il 2015, con l’organizzazione di più incontri dedicati alla Medicina Popolare e alle piante officinali a Salina, al fine di promuovere la conoscenza del patrimonio naturalistico presente nella piccola isola del messinese, e rafforzare gli scambi culturali tra le due istituzioni. 

Pertanto, come già detto, in occasione dell’organizzazione della manifestazione “Caro amico ti scrivo”, curata dal professore Marcello Saija e dall’Associazione ANFE (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), dedicata alla storia dell’emigrazione delle comunità siciliane attraverso il recupero di lettere, il Museo Civico TEMPO di Canicattini Bagni espone, nella sede Museo Eoliano dell’Emigrazione a Salina, il carteggio della famiglia di Antonino Sbriglio, emigrato canicattinese in America negli anni ’20 del Novecento.

 

 

Inoltre, è stata prevista per l’anno 2014/2015, per quanto riguarda la ricerca sull’emigrazione siracusana, la pubblicazione del saggio storico su questo fenomeno, curato dal professore Marcello Saija, e l’arricchimento del materiale storico digitalizzato, già fruibile presso la Biblioteca multimediale del Museo Civico di Canicattini Bagni. 

Obiettivo principale di questo lavoro, oltre al valore storico e di memoria, come è stato sottolineato anche dall’intervento di saluto a nome del sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta (impossibilitato ad essere presente a Salina), fatto a Salina dal direttore del museo TEMPO, Paolino Uccello, è certamente quello,  attraverso la presentazione della Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione, che vanta ben sette Musei in tutta la Regione Siciliana,  della promozione turistica del territorio e della città di Canicattini Bagni con le sue peculiarità: il Museo, il percorso del Liberty,  la visita dei siti Unesco, che circondano la cittadina canicattinese. 

Un viaggio che attraversa non solo la storia, la cultura ed i paesaggi degli Iblei, ma anche l’isola di Salina, riconosciuta Patrimonio dell’Umanità, e il suo Museo Eoliano dell’Emigrazione.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

 “Piante e parole che guariscono” e “Santi erboristi e piante magiche”. Le pubblicazioni sulla medicina popolare e la documentazione sull’emigrazione raccolte dal Museo Civico tempo di Canicattini Bagni presenti ed esposte nel Museo Eoliano dell’Emigrazione di Salina

 

 

Canicattini Bagni (Siracusa), 10 settembre 2014 – Si rafforza la struttura e la collaborazione all’interno della “Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione”, grazie all’impegno costante delle Amministrazioni pubbliche che li sostengono, come nel caso del Comune di Canicattini Bagni per quanto riguarda il Museo Civico TEMPO (Museo del Tessuto, dell’Emigrazione e della medicina Popolare), diretto dall’etnologo e guida naturalistica Paolino Uccello, del Comune di Santa Marina Salina, in provincia di Messina, e dell’Università di Palermo, per quanto riguarda il Museo Eoliano dell’Emigrazione, diretto dal professore Marcello Saija, direttore della Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione, nonché docente in Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali.

Lo scorso 6 e 7 settembre a Palazzo Marchetti Malfa a Salina, si è svolta la 3° Edizione del “Premio Eoliani nel Mondo”, alla quale hanno preso parte il direttore e gli operatori museali del Museo di Canicattini Bagni, con la presentazione delle pubblicazioni sulla Medicina Popolare, “Piante e parole che guariscono” e “Santi erboristi e Piante magiche”, curate dal Museo Civico TEMPO, e la pubblicazione di parte della ricca Documentazione sull’emigrazione delle popolazioni iblee e siracusane, raccolta nel corso di anni di ricerca dal Museo canicattinese.

Quella che è nata a Salina tra le due strutture museali è stata così una stretta collaborazione che ha già messo le basi per una nuova programmazione di eventi culturali per l’anno in corso e per il 2015, con l’organizzazione di più incontri dedicati alla Medicina Popolare e alle piante officinali a Salina, al fine di promuovere la conoscenza del patrimonio naturalistico presente nella piccola isola del messinese, e rafforzare gli scambi culturali tra le due istituzioni. 

Pertanto, come già detto, in occasione dell’organizzazione della manifestazione “Caro amico ti scrivo”, curata dal professore Marcello Saija e dall’Associazione ANFE (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), dedicata alla storia dell’emigrazione delle comunità siciliane attraverso il recupero di lettere, il Museo Civico TEMPO di Canicattini Bagni espone, nella sede Museo Eoliano dell’Emigrazione a Salina, il carteggio della famiglia di Antonino Sbriglio, emigrato canicattinese in America negli anni ’20 del Novecento.

 

 

Inoltre, è stata prevista per l’anno 2014/2015, per quanto riguarda la ricerca sull’emigrazione siracusana, la pubblicazione del saggio storico su questo fenomeno, curato dal professore Marcello Saija, e l’arricchimento del materiale storico digitalizzato, già fruibile presso la Biblioteca multimediale del Museo Civico di Canicattini Bagni. 

Obiettivo principale di questo lavoro, oltre al valore storico e di memoria, come è stato sottolineato anche dall’intervento di saluto a nome del sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta (impossibilitato ad essere presente a Salina), fatto a Salina dal direttore del museo TEMPO, Paolino Uccello, è certamente quello,  attraverso la presentazione della Rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione, che vanta ben sette Musei in tutta la Regione Siciliana,  della promozione turistica del territorio e della città di Canicattini Bagni con le sue peculiarità: il Museo, il percorso del Liberty,  la visita dei siti Unesco, che circondano la cittadina canicattinese. 

Un viaggio che attraversa non solo la storia, la cultura ed i paesaggi degli Iblei, ma anche l’isola di Salina, riconosciuta Patrimonio dell’Umanità, e il suo Museo Eoliano dell’Emigrazione.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry