fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 6 novembre 2014 – Avrà inizio domani mattina, alle ore 9.30, presso lo Spazio Cultura “Meno Assenza” di Pozzallo, il seminario itinerante internazionale di progettazione “Villard” denominato “Territori strategici e mete di libertà”. 

Dopo i saluti di rito, gli architetti partecipanti effettueranno un giro per le varie zone della città, per andare ad osservare la collina del castello Di Martino, il Lungomare Raganzino, l’ex Colonia Marina, l’ex distilleria Giuffrida, l’area cimiteriale. 

Il Comune, appoggiando questo progetto, che già in precedenti esperienze nazionale aveva raggiunto esiti positivi, ha avviato questa iniziativa culturale che investirà e affronterà temi legati alla città di Pozzallo. 

Infatti, grazie agli studi che saranno avviati, si darà incarico di indagare e sviluppare con proposte di natura teorico-progettuale alcuni ambiti urbani di interesse strategico per la città, in occasione della XVI edizione del Seminario itinerante di progettazione “Villard”.

A seguito del continuo afflusso di popolazioni provenienti dalla costa africana, la città di Pozzallo affronta un momento significativo della sua storia investita da nuove forme di “guerra”, “emergenza” e “memoria”. Tale specificità fa sì che essa possa essere considerata esempio campione delle nuove invasioni contemporanee e potenziale modello virtuoso di “accoglienza”. 

Pur nella specificità dell’approccio disciplinare e didattico dell’esperienza si ritiene, infatti, che il particolare momento che la città vive possa trasformarsi e divenire motore di un cambiamento che investa sia la sua struttura urbana, sia il suo humus culturale volto ad una pratica dell’accoglienza che non si risolva solo nell’emergenza quanto, piuttosto, nella pratica di una quotidianità di luoghi, spazi ed eventi in grado di generare anche nuove permanenze ed economie. Il recupero di spazi irrisolti, edifici dimessi o altre aree di criticità urbana potrebbero garantire, dunque, la risoluzione di problemi legati alla situazione contingente e al tempo stesso innescare processi di rigenerazione urbana nonché avviare percorsi più complessi dalle implicazioni turistico culturali legati alla cultura mediterranea.

Obiettivo delle analisi del Seminario sarà, quindi, la prefigurazione di strategie progettuali che possano contribuire ad ampliare il dibattito ed investigare modalità di intervento e valorizzazione a supporto dell’Amministrazione. 

La durata del Seminario coprirà un arco temporale che va dal novembre 2014 al luglio 2015 - dedicato alla elaborazione dei progetti - fino ad arrivare al dicembre 2015.

In occasione del seminario finale di Luglio 2015 e della presentazione al pubblico del lavoro annuale, i responsabili del seminario consegneranno al Comune di Pozzallo un CD contenente – in versione digitale - tutti gli elaborati dei progetti sviluppati durante l’anno.

L’Amministrazione Comunale ha deciso di appoggiare il progetto che ha come obiettivo la ricerca di strategie progettuali che possano contribuire ad ampliare il dibattito su modalità e valorizzazione a supporto del Comune di Pozzallo.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry