fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 luglio 2015 – Ieri mattina è stata aggiudicata in via provvisoria all'impresa ISA RESTAURI SRL da Mistretta l'appalto del completamento dei lavori di ripavimentazione, orlature e restauro degli elementi di arredo dei Giardini Iblei, con il ribasso del 38,0204% sull'importo a base di gara di euro 512.411,99 oltre I.V.A. 

Gli interventi, finanziati con  i fondi della Legge su Ibla, previsti nel progetto che è stato redatto dai tecnici comunali, Architetto Rosario Scillone e Geom. Lorenzo Cascone,  riguarderanno il restauro degli edifici, delle colonnine in pietra e degli elementi d'arredo, come le panche, nel viale d'ingresso principale, mediante la rimozione dei licheni e delle alterazioni che si sono formate nel tempo. Per le panchine è previsto  uno specifico intervento di trattamento della pietra.

Programmato anche il restauro filologico della “vasca” con l'eliminazione della siepe presente e la sostituzione della ringhiera di protezione, la pavimentazione del “Palco della Musica” per il quale è stata programmata una nuova pavimentazione che richiamerà il simbolismo del “pentagramma”, attraverso l'alternarsi di basole in pietra asfaltica e calcarea e della “Montagnola” che verrà ripavimentata con ciottoli, secondo il motivo già presente nell'ingresso principale, con la rappresentazione dell'immagine urbana di Ibla “forma piscis”. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry