fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 8 febbraio 2016 – Una scossa sismica di magnitudo 4,6 alla profondità 4,4 km, è stata avvertita oggi, alle ore 16,35, in provincia di Ragusa. 

L'epicentro è stato registrato nella zona montana di confine tra le province di Ragusa e Siracusa, a  circa 14 km da Ragusa. 

La scossa è durata alcuni secondi ed è stata avvertita da gran parte della popolazione. 

Il sindaco Federico Piccitto, tramite la Protezione Civile, ha attivato il presidio territoriale e predisposto controlli nei punti critici, anche con l'ausilio della Polizia Municipale. Al momento non sono stati riscontrati problemi particolari. Da parte della popolazione non sono pervenute segnalazioni, ma solo richieste di informazioni. I dati sono stati forniti dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

La Protezione civile comunale informa altresì che nel corso delle serata, non appena verranno ultimati i controlli nei punti critici del territorio, verrà diramato un nuovo comunicato con  aggiornamenti sulla situazione.    

Per eventuali segnalazioni ed informazioni i cittadini posso rivolgersi al Centro operativo comunale di Protezione civile, telefoni 0932/676882 - 676885 - 676886.

***

A seguito dell’attivazione del Presidio territoriale di protezione civile da parte del sindaco Federico Piccitto, poco dopo la scossa sismica verificatasi alle 16,35 di oggi (e l'altra delle 18,57), il Dirigente Comune del servizio di Protezione Civile, Architetto Marcello Di Martino ha disposto la verifica, con la collaborazione dalla Polizia Municipale, dei punti critici del territorio comunale. “Dai sopralluoghi effettuati – dichiara l’Architetto Di Martino - non è emerso alcun problema anche se continuiamo a monitorare detti punti critici  e stiamo procedendo ad effettuare altre verifiche tecniche”.

Intanto il Centro operativo comunale di Protezione civile rende noto l’elenco delle aree di attesa e le norme comportamentali da seguire in caso di evento sismico, che si allegano,  indicate nel Piano comunale di Protezione civile pubblicato sul sito del Comune. Si tratta dei punti individuati nel territorio comunale in cui i cittadini possono concentrarsi in caso di emergenza sismica. 

Per eventuali segnalazioni ed informazioni i cittadini posso rivolgersi al Centro operativo comunale di Protezione civile, telefoni +39.0932.676882 - .39.0932.676885 - +39.0932.676886.

 

***

«La scossa di terremoto di magnitudo 4.6 ha indotto il dirigente del settore ‘Lavori Pubblici’ del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Carlo Sinatra, a monitorare con diverse squadre di tecnici le strade provinciali e gli edifici pubblici di proprietà. Sinora  non si riscontrano danni alle infrastrutture viarie e alle strutture», scrivono da Viale del Fante alle ore 19.

L’opera di monitoraggio proseguirà anche domani.

 

***

Il sindaco di Modica scrive: «A seguito del terremoto delle 16:36 di magnitudo 4.6 è stata disposta l'attivazione del presidio operativo della protezione civile presso il palazzo Azasi.

Nel contempo sono state attivate le squadre del presidio territoriale per un monitoraggio dell'intero territorio per verificare danni a cose o persone.

La Protezione Civile Modica invita a chiamare il numero +39.0932.456295 per segnalare eventuali danni.»

 

Forte scossa di terremoto a Ragusa

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry