fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Scicli, 27 dicembre 2019 – Il 30 dicembre e il 4 gennaio sono le due occasioni in cui poter scoprire Le Vie dei Presepi di Scicli insieme a Tanit, l'associazione culturale sciclitana che torna con un classico natalizio dei suoi percorsi cittadini volti a raccontare le bellezze della nostra città.

Le Vie dei Presepi sono tutte le stradine del centro storico di Scicli dove, tra le porte delle abitazioni, si aprono all'improvviso bellissimi presepi artigianali composti dalle varie famiglie, come la Caruso, o da gruppi di amici, il Chiafura di Via Tasca fra tutti, che li aprono alla libera fruizione di tutti i cittadini. Le Vie dei Presepi, però, non possono prescindere dal meraviglioso presepe monumentale settecentesco dello scultore napoletano Pietro Padula all'interno della Chiesa di San Bartolomeo o dei presepi in grotta come quello Marinero e di Piedigrotta.

Un viaggio all'interno della tradizione cristiana e sciclitana più vera, in una affascinante, calda e accogliente Scicli illuminata dalle luci del Natale. 

Il raduno per ogni passeggiata è fissato alle 16.30 di fronte il Museo dell'Antica Farmacia Cartia di Via Francesco Mormina Penna. La partenza è prevista alle 17.

 

Per informazioni e prenotazioni, chiamare il 338 8614973 oppure scrivere una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Scicli Locandina  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry