fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 3 febbraio 2020 – L’8 febbraio alle 18.30, presso il salone della chiesa di San Giuseppe, torna l’appuntamento con Chiacchiere d’antan, il ciclo di conversazioni invernali del Centro Studi e Documentazione Città di Scicli, questa volta rivolto ai moti del 1848 e di ciò che è successo a Scicli in quel periodo.

Presenta e modera Vincenzo Burragato, storico e presidente del Centro Studi, il cui primo intervento illustrerà i moti del 1848 in Sicilia, l’inizio della Primavera dei Popoli, un excursus sui fatti che portarono i siciliani e la Sicilia a vestire i panni della rivoluzione e cambiare il proprio destino politico. Poi sarà la volta Giovanni Agolino, storico e vicepresidente del Centro Studi, scenderà nel dettaglio della nostra città, Scicli, e su come contribuì agli eventi capaci di minare l’Europa dalle proprie fondamenta. Infine, Padre Ignazio La China, Vicario Foraneo di Scicli, relazionerà sul ruolo del clero locale tra rivoluzione e restaurazione dal 1789 al 1859.

L’evento è patrocinato dal Comune di Scicli, realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Tanit Scicli e promosso da Flora Erboristeria, la cui degustazione di tisane e infusi farà da ormai tradizionale contorno alla conversazione e all’ascolto.

Per informazioni chiamare il numero +39.338.8614973 o scrivere a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Scicli Locandina  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry