fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Scicli: da Boccaccio all’antica Grecia passando per le case degli sciclitani, è questa l’idea che hanno avuto i membri dell’Associazione Culturale Tecne99 di Scicli «in tempo di Coronavirus»

 

Scicli, 27 febbraio 2020 – L’idea è semplice ma originale allo stesso tempo: usare l’arte e la cultura in tutte le loro declinazioni per unire in maniera creativa e propositiva tutti gli utenti del web, riqualificando lo spazio virtuale durante il periodo di quarantena che tutti stiamo vivendo.


Dall’11 Marzo, data d’inizio dell’iniziativa, sono state numerosissime le adesioni e, così, la DecameRoom MMXX è diventata Tiaso - il gruppo ufficiale di Tecne99, dai pochi protagonisti del Decameron si è passati, infatti, ai tanti del Tiaso, antica assemblea greca di matrice religiosa: una religione che adesso è l’arte e il cui mantra virtuale sono gli hashtag #contagiArti e #freeyourart.

Centinaia le persone già coinvolte in questi giorni su Facebook e Instagram, sfidatesi con dipinti, performance teatrali, musicali, di danza.

#contagiArti però non si ferma qui e continua: tutti possono partecipare, basta solamente dare libero sfogo all’artista che c’è in noi e postarlo collegandosi al link  https://www.facebook.com/groups/267324844256942/, perché è nei suoi periodi più bui che l’umanità ha gettato le radici della sua salvezza attraverso la bellezza che si sprigiona dall’arte insita in ognuno.

Scicli


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry