fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 19 gennaio 2015 – Il 30 dicembre scorso presso il Circolo di Conversazione – ex Camera del Lavoro di Scicli si è concluso il ciclo di eventi “Cibo e Medicina. Fra antichi rimedi e ricette popolari”, ideato, promosso e realizzato dall’Associazione Culturale “Tanit Scicli” in collaborazione con il Dottor Guglielmo Cartia. 

L’ultimo appuntamento ha visto come protagonista assoluta la cannella, della quale si è discusso in conferenza e gustati i piatti nei quali è stata proposta nella cena tematica. Nutrita come sempre è stata la partecipazione di pubblico a quello che in poco tempo è diventato un appuntamento a cadenza mensile di assoluta qualità culturale, partito quasi in sordina e culminato con l’elogio paterno di Sandro Franchini, illustre nuovo sciclitano e recente Cavaliere della Legione d’Onore, che ha aperto l’ultima conferenza elogiando il lavoro dei ragazzi di Tanit Scicli, incensandoli come custodi e divulgatori della cultura storica della nostra cittadina.

“Cibo e Medicina” ha cominciato la sua avventura lo scorso 28 agosto parlando di Miele per proseguire poi il 12 settembre con la Carruba, il 4 ottobre, invece, è stata la volta delle Erbe Officinali fino ad arrivare a Olive e Olio del 29 novembre prima di concludere, come detto prima, il 30 dicembre con la cannella. Cinque appuntamenti che hanno destato interesse su tematiche fino ad adesso poco o niente discusse a Scicli e nella provincia iblea. Tanit Scicli è stata in grado di creare un format capace di unire l’esatta trattazione scientifica dell’argomento a un’azzeccata degustazione culinaria, avvalendosi di volta in volta di partner e sponsor prestigiosi nel panorama cittadino, su tutti il Ristorante “Al Galù” dello chef Luca Giannone che si è divertito a sperimentare di volta in volta con gli ingredienti protagonisti dei diversi eventi, creando per il pubblico piatti nuovi e di sicuro gusto.

 

“Cibo e Medicina” tornerà il prossimo autunno ma Tanit Scicli non si ferma qui e dopo un 2014 stimolante che ne ha visto la nascita, si apre a un 2015 decisivo per il salto di qualità. 

La gestione e cura dell’Antica Farmacia Cartia, e la continuazione del circuito culturale de “I Tre Musei”, che comprende insieme alla Farmacia anche Il Museo della Cucina Iblea e Il Museo della Cavalcata, saranno il trampolino di lancio per nuove attività fra cui l’apertura e la fruizione di inediti siti culturali nel centro cittadino di Scicli e la messa a punto di una nuova tipologia di eventi in grado di coinvolgere totalmente il partecipante, immergendolo in un mondo culturale ma allo stesso tempo ludico. 

L’Antica Farmacia Cartia è ormai diventata sito culturale di assoluto e raro valore essendo il secondo in Sicilia di tale tipo per importanza dopo la farmacia cinquecentesca di Roccavaldina: dal 6 aprile scorso, data della sua apertura al pubblico, ha totalizzato migliaia di presenze e apprezzamenti da parte di visitatori di tutto il mondo che hanno apprezzato l’atmosfera senza tempo di un luogo ovattato e magico.

Chiunque sia interessato a sostenere le attività dell’Associazione Culturale Tanit Scicli o diventarne socio, può contattare i soci direttamente in farmacia (orario invernale fino al 15 marzo: sabato e domenica 10.00-13.00 e 16.30-19.30) oppure al numero di telefono 338 8614973. 

Su Facebook, infine, sono presenti le pagine di Tanit Scicli e dell’Antica Farmacia Cartia.

 

Vincenzo Burragato

 

(Foto Carlo Miceli)

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry