fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 21 dicembre 2016 – Si è svolta ieri sera la prima seduta del Consiglio Comunale di Scicli.

Sono stati trattati tutti i punti all’ordine del giorno previsti.

Con i 10 voti della maggioranza è stato eletto Presidente del Consiglio Comunale Danilo Demaio. I 6 consiglieri di opposizione hanno votato scheda bianca.

Sono 9 i voti che hanno invece eletto il vice Presidente, Lorenzo Bonincontro. Anche per questa votazione 6 le schede bianche.

Tra lo stupore dei numerosi presenti il consigliere comunale Guglielmo Scimonello ha abbandonato la seduta consiliare senza spiegarne i motivi.

 

***

Resoconto dall’ufficio stampa del Comune: 

 

Danilo Demaio presidente del consiglio. Giannone: la legalità il nostro principio guida

In meno di due ore esitata la prima seduta, con l'approvazione di tutti i punti

 

Con un minuto di silenzio in ricordo di Carmelina Trovato, donna impegnata in politica che ha scritto una pagina importante della storia del Novecento a Scicli, si è aperta la seduta di insediamento del consiglio comunale di Scicli, tenutasi a palazzo Spadaro. 

Il consiglio ha registrato il giuramento dei sedici consiglieri, del sindaco e del vicesindaco. 

«Chiedo scusa a Davide Donzella, costretto su una carrozzina - ha detto il sindaco Enzo Giannone - perché questo, come altri, non è un luogo accessibile a chi ha diverse abilità. Questo è un bel consiglio comunale, con tanti giovani, tante donne, ed esprime la voglia di ripartire della città. Scicli riparte, non è più il tempo delle analisi e delle riletture su ciò che è stato, con gli ultimi due anni in cui di fatto c’è stata la sospensione della democrazia. Come diceva Pietro Nenni, si ricomincia con le persone, nuove persone, sulle cui gambe cammineranno nuove idee.

Questa città ha registrato una crescita tumultuosa negli ultimi anni, ma la sua classe politico-dirigente non ha saputo fornire una adeguata guida a tale crescita. Sono certo che adesso ci siano nuove risorse umane, in questo consiglio comunale e in giunta, che possano adeguatamente sopperire a tale mancanza del passato. Al di la di maggioranza e opposizione. Anzi, a tal proposito, sottolineo che ci siamo confrontati, nell'ultima tornata, con una legge elettorale a mio avviso non democratica, così come tutte quelle che prevedano forme di premi di maggioranza spinti. Lo dico a maggior ragione avendo votato No al referendum costituzionale, proprio perché ritengo che le rappresentanze non possano non tener conto del consenso espresso attraverso il voto.

Ci sono tre temi urgenti che ci stanno a cuore. 

La questione finanziaria: la situazione del bilancio comunale è preoccupante. Come saprete, la Commissione Straordinaria ha approvato il bilancio di previsione 2016, ma non ha approvato il Conto Consuntivo 2015. La giunta, con i capisettore, sta lavorando con il massimo impegno per tentare di uscire fuori da questa grave situazione.

Poi c'è il tema della vivibilità della città, il decoro, il verde pubblico, gli impianti sportivi. In cinque giorni abbiamo sparso 200 sacchi di catrame per coprire le buche stradali e i nostri giardinieri stanno procedendo ad una scerbatura e pulizia straordinaria di tutte le aree verdi della città, partendo dalle bambinopoli. Si sta procedendo poi ad una serie di gare per la manutenzione delle strade e dell’acquedotto, nonché ad interventi per il recupero e sistemazione degli impianti sportivi.

Il terzo tema è la sanità. Vedete, per deformazione professionale penso che ciascun amministratore pubblico debba avere anche una funzione pedagogica, e questa deve essere propria anche del Consiglio Comunale nei confronti della comunità che rappresenta. 

Il Manager del’’ASP Dott. Aricò, che ho avuto il piacere di incontrare al Municipio di Scicli qualche giorno fa, ha fornito alcune indicazioni circa il futuro dell’ospedale “Busacca” e ha dato la propria disponibilità a partecipare al Consiglio per confrontarsi sul tema della sanità nel territorio. Di fatto l’ospedale “Busacca” non ha più un reparto per acuti; Chirurgia, ormai funzionante in regime di day surgery, è stata temporaneamente chiusa dopo una ispezione dei NAS. 

Il nostro ospedale, all’interno della strategia dell’azienda sanitaria è stato progressivamente destinato a servizi per post acuti. Ne prendo atto ma chiedo: la fase dell’emergenza-urgenza è però adeguatamente garantita? Scicli ha un pronto soccorso, un PTE o nulla di tutto questo? Perché non ha l'ambulanza medicalizzata? Ecco, bisogna avere il coraggio di dire che oggi ci troviamo di fronte a un obbrobrio amministrativo, con pesanti ricadute sul piano dell’assistenza sanitaria ai cittadini. Sull'ambulanza opera un infermiere che gestisce i codici gialli e rossi, ovvero i più gravi, mentre al cosiddetto pronto soccorso operano medici che gestiscono i codici bianchi e verdi. 

Poi c'è un quarto tema, la legalità, che mi consento però di affermare è il più importante e presupposto fondamentale per tutti gli altri.  Il Comune di Scicli è stato sciolto per mafia. È stato un provvedimento che la città ha vissuto come ingiusto. Ma appartiene al passato. Resta però un insegnamento. Nella Pubblica Amministrazione, il principio di legalità è imprescindibile. Vedete, ogni martedì pomeriggio riunisco i capisettore del Comune e lo staff del sindaco per fare il punto della situazione e programmare le attività future. La prima cosa che ho detto è che, sulla base di una sorta di codice etico, nessuna ingerenza di interessi privati può e deve verificarsi nella gestione della cosa pubblica. I funzionari comunali devono avere il necessario distacco dagli interessi “particolari”, e questo principio deve valere anche per i consiglieri comunali, per la giunta e per il sindaco.

I consiglieri comunali eserciteranno la loro funzione politica e di rappresentanza attraverso i canali istituzionali previsti dalle leggi, senza alcuna ingerenza nella gestione tecnica che viene esercitata dagli uffici e quella amministrativa che viene gestita dalla giunta.

Infine, cari consiglieri, vi chiedo il coraggio e la coerenza di assumere posizioni sempre e solo per il bene della collettività, anche quando esse dovessero rivelarsi impopolari per qualcuno. 

E ricordate: per me i consiglieri sono sedici! E con tutti e sedici mi confronterò e rapporterò”. 

Dopo una lettera di augurio di Davide Donzella alla nuova amministrazione, è intervenuta il consigliere Rita Trovato, un candidato sindaco sconfitto alle elezioni, dicendo di parlare a nome di tutte le opposizioni. “Saremo una opposizione collaborativa, saremo, signor Sindaco, il suo faro nei momenti di tempesta, lei sarà il nostro sindaco, noi il suo spirito critico».

 

Si è passati quindi all'elezione dei vertici del consiglio comunale. 

Danilo Demaio è stato eletto a primo scrutinio, con dieci voti, alla carica di presidente del consiglio comunale di Scicli. Sei le schede bianche

Lorenzo Bonincontro, con nove voti, sei bianche (assente Scimonello), è stato eletto vicepresidente del consiglio.

Alle 20:03, dopo meno di due ore dall'inizio, un record per il Consiglio comunale di Scicli, la seduta, molto partecipata da un attento pubblico, è stata sciolta. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry